iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il cavaliere povero” di A. Sergeevic Puskin

Di Redazione11 gennaio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Viveva al mondo un cavaliere povero
silenzioso e semplice
d’aspetto tetro e pallido
d’animo ardito e onesto
Egli aveva una sola visione
alla mente incomprensibile
che profondamente
si era impressa nel suo cuore
Da quel momento, arso nell’anima
più le donne non guardò
e fino alla bara con nessuno
volle dire una parola
Al collo il rosario si legò
e dal volto la celata
dinanzi a nessun più levò.
Ricolmo di puro amore
fedele al dolce sogno
A. M. D. con il suo sangue
scrisse sullo scudo
E nei deserti della Palestina
mentre i paladini si lanciavano
in battaglia, per le rupi
a gran voce invocando le dame.
Lumen coeli, sancta Rosa
gridava egli feroce e focoso
e come tuono la sua minaccia
atterriva i musulmani.
Ritornato al suo castello lontano
visse segregato,
sempre muto, sempre triste,
finchè folle morì.

“Breviario tedesco” di Bertold Brecht

StopTheViolence Quando chi sta in alto parla di pace La gente comune sa Che ci sarà la guerra. Quando ...

“Scherzo” di Giacomo Leopardi

calliope_muse_epic_poetry_hi Quando fanciullo io venni A pormi con le Muse in disciplina L'una di quelle mi pigliò per ...