iscrizionenewslettergif
Bergamo

Disoccupazione al 6 per cento: ecco le industrie bergamasche in crisi

Di Redazione23 dicembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Crisi tutt'altro che finita per l'industria

Crisi tutt'altro che finita per l'industria

BERGAMO — La crisi colpisce duramente le aziende lombarde e bergamasche. I dati resi noti dai sindacati in una recente manifestazione che si è svolta a Varese parlano di un tasso di disoccupazione è salito al 6 per cento. Mentre gli occupati dell’industria in senso stretto sono scesi del 4,5 per cento rispetto al 2009. “Sostanzialmente la crisi economica, purtroppo, non è conclusa – spiegano i tre segretari generali regionali delle confederazioni Cgil, Cisl e Uil, Nino Baseotto, Luigi Petteni e Walter Galbusera – e viene confermata da Confindustria che prevede un calo di circa 1,6 per cento del Pil a livello nazionale, con conseguenze ulteriori sull’occupazione”.

In Bergamasca, per esempio, sono circa circa 465mila le persone che lavorano nell’industria. Le ore di cassa integrazione fra gennaio e novembre di quest’anno sono state oltre 23 milioni. Ecco la mappa delle principali aziende orobiche coinvolte della crisi.

PANSAC INTERNATIONAL di ZINGONIA (chimica). 70 dipendenti. Dichiarata dall’azienda la chiusura dei 5 siti del gruppo (gli altri a Mira, Marghera, Portogruaro e Ravenna). La motivazione dell’azienda è che le banche non erogano prestiti. Presidio immediato dei lavoratori e richiesta di un tavolo di trattative. Su 70 dipendenti 25 erano già in cassa integrazione straordinaria.

NEOLT di Ponte San Pietro (metalmeccanica). 133 dipendenti. Da un anno in cassa integrazione straordinaria che terminerà il 31 dicembre 2011. E’ arrivato ora un accordo che prevede 8 mesi di cassa in deroga a partire dal 14 dicembre 2011 cui seguirà 1 anno di CIGS fino all’estate del 2013. Sono previsti incentivi per la mobilità volontaria.

MAZZUCCONI FONDERIE di Ponte San Pietro e Ambivere (metalmeccanica). 330 dipendenti nei due stabilimenti. In concordato preventivo. Accordo su CIGS per 166 dipendenti a rotazione. I terreni delle aziende sono stati messi in vendita ma non ci sono per ora acquirenti.

MILGRANDI di Pognano (metalmeccanica). 33 dipendenti. L’azienda ha annunciato che vuole trasferire la produzione in Spagna e chiudere l’azienda. Immediata la reazione sindacale con scioperi.

PROMATECH di Colzate (metalmeccanica). 104 dipendenti (all’inizio della crisi 4 anni fa erano 600). Accordo per la cassa in deroga fino a dicembre 2011 e mobilità volontaria e incentivata per 55 dipendenti. La FIOM non ha sottoscritto l’accordo.

FILIPPETTI di CASIRATE D’ADDA (metalmeccanica). 139 dipendenti. Chiesta la mobilità per 13 dipendenti.

FRATTINI di SERIATE (metalmeccanica). 190 dipendenti. L’azienda è in concordato preventivo dopo la cessione di un ramo d’azienda alla tedesca Mall Herlan. In presidio permanente da ottobre 2009, hanno la cassa integrazione in scadenza il 26 gennaio 2011. Sono rimasti 58 dipendenti e recentemente il liquidatore ha chiesto per loro la procedura di mobilità. I sindacati chiedono invece la cassa in deroga per tutto il 2011.

DONORA elettrodomestici (gruppo Candy, metalmeccanica), con sede legale a Monza ma lo stabilimento a CORTENUOVA. 157 addetti (dei 280 all’inizio della crisi nel luglio 2006), quasi tutte donne. L’ultimo frigorifero è stato prodotto a fine luglio. A fine agosto è scaduta l’ultima proroga di cassa in deroga e dal 1 settembre sono tutti in mobilità. Si prospetta l’insediamento sull’area di un polo logistico che potrebbe assorbire 15 dipendenti.

HONEGGER di ALBINO (tessile). 390 dipendenti. Raggiunto un accordo per 8 mesi di cassa in deroga a partire dal 1° gennaio 2012.

Bellezze da Cinema: esce il calendario della Foppa

Il calendario della Foppa Pedretti BERGAMO -- Non c'è anno nuovo senza una sfornata di nuovi calendari. Ed ecco anche ...

Bergamo, Natale con il sole e senza nevicate

Natale con il sole a Bergamo BERGAMO -- Sarà un Natale con il sole e senza nevicate quello in arrivo. Un'area ...