iscrizionenewslettergif
Politica

Bossi: l’alleanza con il Pdl non c’è, Berlusconi con i comunisti

Di Redazione13 dicembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Umberto Bossi e Silvio Berlusconi ai tempi del governo

Umberto Bossi e Silvio Berlusconi ai tempi del governo

MILANO — Un asse Bossi-Berlusconi “adesso non c’é, ognuno sta a casa sua”, anche perché Berlusconi “é con i comunisti, è con il governo”. Lo ha detto il leader della Lega Umberto Bossi.

Il leader leghista ha spiegato che l’incontro con Berlusconi annunciato dall’ex premier e poi sfumato “é stato sospeso, perché non sono i tempi per farlo, sono tempi per aspettare”. A chi gli chiedeva se a questo punto Giulio Tremonti resterà nel Pdl o entrerà nella Lega, Bossi ha risposto: “Dipenderà da noi”. E ha infine rivelato che l’ex ministro dell’Economia “é in carrozzella, perché si è rotto una gamba”.

Del fondo Ue salva-stati, secondo Umberto Bossi, “non se ne farà niente, perché nessuno vuole metterci i soldi”. A margine di un convegno sulla sanità, il leader della Lega ha anzi risposto “kaput” a chi gli chiedeva delle sorti dell’euro. “Finito l’euro – ha aggiunto quindi – la Padania si farà la sua moneta, mica deve tornare indietro alla lira per continuare a mantenere tutti questi furfanti”.

Pensioni e Ici: modifiche oggi in aula

Mario Monti ROMA -- Arriveranno oggi alla Camera i nuovi emendamenti che contengono le modifiche sulla perequazione ...

Capelli (Pdl): formigoniani estranei alla vicenda Locatelli

Angelo Capelli, sindaco di Ponte Nossa e portavoce dei formigoniani di Bergamo BERGAMO -- "I fatti di cronaca recente avranno un peso sul congresso solo se si ...