iscrizionenewslettergif
Sport

Tir entra e segna, Cigarini assente dal match

Di Redazione11 dicembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Masiello festeggia il "Tir"  (foto Atalanta.it)

Masiello festeggia il "Tir" (foto Atalanta.it)

BERGAMO – Ci si aspettava un successo, è arrivato soltanto un punto. Sudato, alla fine meritato e in rimonta ma con qualche protagonista assente dal campo. E’ il caso di Cigarini, è il caso di un po’ tutta la linea mediana della Dea che contro gli etnei non ha affatto impressionato.

Consigli 6,5: primo intervento di un certo rilievo al 14’ sul destro di Almiron in tuffo, si ripete su Potenza al 17’ ma al 18’ deve soccombere alla zuccata imperiosa di Legrottaglie che anticipa Ferri. Ripresa di totale riposo, si conferma presente quando lo chiamano in causa.

Masiello 6,5: sulla destra riesce a dare sempre il suo contributo, non sbaglia praticamente nulla e nel finale sfiora pure il gol con un colpo di testa perfetto che si spegne a lato di poco. Bravo il mister a non cambiarlo di posizione.

Ferri 5,5: esordio al centro, subito presente su Lopez anche se sbaglia un paio di appoggi facili che causano problemi. Il ruolo non è il suo, si impegna parecchio ma Legrottaglie lo sovrasta sullo 0-1. Ripresa tranquilla con il Catania che pensa solo a difendersi.

Manfredini 6: vince agevolmente il duello con gli attaccanti catanesi, nella ripresa passa sulla sinistra di una difesa a 3 e cerca pure di spingersi in avanti.

Bellini 6: rientra dal primo minuto e non sfigura, nel primo tempo soffre un po’ come tutto il pacchetto arretrato ma non ha grosse difficoltà. Esce al 59’ per Bonaventura, con il cambio Colantuono lancia un chiaro segnale di assalto alla sua squadra. (dal 59’ Bonaventura 6: cerca di allargare le maglie catanesi, ci prova spesso ma non trova il guizzo buono)

Schelotto 5,5: torna dopo la squalifica ma non se ne accorge nessuno per tutto il primo tempo. Prova dopo il riposo a cambiare marcia ma sembra confusionario. Finale straripante anche se povero di lucidità, avesse anche la precisione sarebbe da applausi.

Cigarini 4: assente nella fase iniziale, perde una pallaccia contro Almiron al 34’ e fino al riposo è il peggiore in campo. Nella ripresa ci si aspetta il risveglio ma continua a latitare, senza il suo fosforo e le sue geometrie la squadra fatica tantissimo a costruire azioni degne di nota.

Carmona 5: partenza sprint, cerca di giocare tanti palloni e qualcuno lo indovina pure ma non cambia mai l’inerzia della gara e dopo il riposo Colantuono lo toglie per passare al tridente. (dal 49’ Tiribocchi 7: primo pallone giocabile e gol da antologia, risorsa preziosa che forse meriterebbe più spazio)

Padoin 4,5: sua la prima conclusione (ribattuta) al 20’, per il resto fatica tantissimo e non riesce mai a dare quel contributo di quantità che solitamente gli riesce e se sbaglia anche appoggi facili la prova è insufficiente.

Moralez 6,5: cerca fin dai primi minuti di suggerire la palla in verticale, molto attivo tra le linee anche se poco pungente. Suo l’angolo da cui nasce l’1-1 di Tiribocchi, nel finale arretra tantissimo per impostare il gioco e piace per personalità anche se non è decisivo. (dall’84’ Marilungo 6: di testa all’89’ costringe Andujar al miracolo, )

Denis 6: lotta con Legrottaglie e Spolli, si vede per la prima volta al 35’ con un destro al volo centrale e poi quando causa la cacciata del numero 3 etneo. Nella ripresa cerca la via del gol ma non punge

All. Colantuono 6: dopo un primo tempo imbarazzante dell’Atalanta, aggiusta la squadra inserendo tutti gli uomini che possono far gol: viene premiato da Tiribocchi ma sono i centrocampisti a mancare completamente la prova.

Fabio Gennari

Atalanta giù di corda, il Catania strappa l’1-1

Simone Tiribocchi BERGAMO -- Pareggio interno per l’Atalanta di Stefano Colantuono nella sfida al Catania. I nerazzurri, ...

Testate e volantini: alta tensione tra gli ultras e L’Eco

La prima parte del volantino Ultras BERGAMO -- Alta tensione tra gli ultras della Curva Nord e il quotidiano L'Eco di ...