iscrizionenewslettergif
Politica

Inchiesta corruzione, Formigoni: non si sorveglia mai abbastanza

Di Redazione2 dicembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Roberto Formigoni

Roberto Formigoni

MILANO — “Non si sorveglia mai abbastanza… A maggior ragione siamo grati all’azione della magistratura, che dispone di strumenti conoscitivi, di indagine e di repressione certamente superiori”. Lo ha detto il presidente della Regione Roberto Formigoni in merito all’inchiesta sulla corruzione e il traffico illecito di rifiuti partita dalle attività del gruppo Locatelli, che sta scuotendo alla base il Pirellone.

Secondo un comunicato stampa della Regione la procedura per l’autorizzazione alla discarica di Cappella Cantone seguita dal Pirellone sarebbe “ineccepibile, trasparente e collegiale”. “Negli anni del mio governo – ha sottolineato Formigoni – ho voluto introdurre il metodo della collegialità in questo genere di decisioni autorizzative. Un tempo decideva l’assessore all’Ambiente: io ho voluto decisioni collegiali, in modo da assicurare il massimo di trasparenza e una maggiore responsabilità di tutte le parti interessate”.

“Anche nel caso di Cappella Cantone, ha ribadito il presidente – si è seguito questo metodo, impegnando la Giunta e gli assessori competenti, da un lato, e poi, nella Conferenza dei Servizi che ha dato il sì conclusivo, gli altri soggetti, in particolare gli Enti locali (Provincia e Comuni)”.

“La piena correttezza della procedura – ha detto ancora Formigoni – è stata confermata dall’ordinanza del Tar, che ha respinto il ricorso”. Formigoni ha sottolineato ancora che “nell’intero arco della procedura nessuno degli arrestati o indagati ha avuto parte alcuna, né di diritto né di fatto”.

Quanto alla Brebemi, “qui si tratta di una “presunta” irregolarità nel conferimento di materiali anche se – ha commentato Formigoni – le intercettazioni rivelano fatti chiari. Gli atti parlano di una contraffazione di certificati, il che colloca il presunto reato in un ambito ben definito e preciso, rispetto al quale la Regione non ha nessuna competenza né responsabilità. La responsabilità della regolarità dei comportamenti delle ditte e dei controlli è in capo, e non potrebbe essere altrimenti, al raggruppamento di imprese che ha vinto la gara per la realizzazione della autostrada”.

Lancio di uova e pomodori: Oscar Giannino contestato alla Statale

Oscar Giannino MILANO -- Tira aria di un ritorno alla contestazione a Milano. Ieri pomeriggio, all'Università Statale ...

Finanziamenti troppo esigui: l’Università finisce in parlamento

L'Università di Bergamo BERGAMO -- I parlamentari della Lega Nord Paolo Grimoldi, Giacomo Stucchi e Erica Rivolta, hanno ...