iscrizionenewslettergif
Provincia

Presunta tangente a Nicoli Cristiani: arrestato Pierluca Locatelli

Di Redazione30 novembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Franco Nicoli Cristiani

Franco Nicoli Cristiani

BERGAMO — E’ stato arrestato e tradotto in carcere il presidente dell’impresa Locatelli di Grumello del Monte, Pierluca Locatelli. La custodia cautelare in carcere è stata firmata dal giudice per le indagini preliminari Giuseppe Bonamartini.

Pesantissime le accuse: si va dal traffico illegale di rifiuti alla corruzione. Sequestrati anche una cava, trasformata in discarica di amianto, a Cappella Cantone nel Cremonese, un impianto di trattamento rifiuti a Calcinate e i cantieri della Brebemi di Fara Olivana e Cassano d’Adda.

Agli arresti in carcere anche il coordinatore degli staff della direzione generale di Arpa Lombardia Giuseppe Rotondaro e l’architetto Andrea Oldrati. Mentre la moglie di Locatelli, Orietta Rocca, è ai domiciliari, insieme ad altre cinque persone.

Gli inquirenti stanno indagando per una presunta tangente da 100 mila euro consegnata al vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia Nicoli Cristiani e di 10 mila euro a Rotondaro.

L’indagine, coordinata dai pubblici ministeri Silvia Bonardi e Carlo Canaia, ha preso il via dai controlli effettuati sulla ditta Locatelli dopo i lavori alla tangenziale Orzinuovi. Proprio Pierluca Locatelli sarebbe stato intercettato durante la consegna di una tangente a Nicoli Cristiani. I soldi della presunta tangente sono stati ritrovati in casa del politico a Monpiano, in provincia di Brescia.

La cifra era suddivisa in pezzi da 500 euro che sarebbe stata consegnata da Locatelli a Cristiani alla fine di settembre, al ristorante Berti di Milano. La presunta tangente sarebbe servita per accelerare l’iter di autorizzazione della discarica nel Cremonese.

Nelle intercettazioni telefoniche i pezzi da 500 euro erano chiamati big bubble. La moglie di Locatelli, mentre la coppia si accingeva a portare il denaro, intercettata in auto appariva molto nervosa per il timore di essere controllata da qualche organo di polizia.

Salari fermi e prezzi in salita: famiglie al collasso

I soldi non bastano più BERGAMO -- Salari fermi e prezzi in continua crescita. Le famiglie a reddito fisso sono ...

Inchiesta rifiuti sotto la Brebemi, i magistrati: siamo solo all’inizio

Fabio Salomone con gli investigatori dell'antimafia BERGAMO -- Sotto la Brebemi, l'autostrada Brescia-Bergamo-Milano in costruzione nella Bassa Bergamasca, ci sarebbero rifiuti ...