iscrizionenewslettergif
open-day-02jpg
Poesie

“La morte, la vita ” di Jiddu Krishnamurti

Di Redazione28 novembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

La morte è la nostra eterna compagna.
E’ sempre lì, alla nostra sinistra,
ad un passo di distanza da noi.
Ci osserva, ci sussurra all’orecchio,
a volte… sentiamo il suo gelo.
E’ lì accanto a noi, ci osserva,
ci osserverà sempre,
sino al giorno in cui ci toccherà.
La morte è il nostro più vicino saggio consigliere,
ogni volta che ne senti il bisogno
voltati e chiedi consiglio a lei,
la troverai lì, alla tua sinistra, disponibile.
Se imparerai a farlo senza vani timori
Ti sbarazzerai delle maledette meschinità
Proprie degli uomini che vivono
Senza mai cercare di capire cosa sia la morte,
e così tirano avanti,
come se la morte non dovesse mai toccarli.

“I miei incantesimi” di Edgar Allan Poe

I miei incantesimi sono infranti. La penna mi cade, impotente, dalla mano tremante. Se il mio libro ...

“Tulipani” di Fabio Volo

Era come quei tulipani che compro per casa mia. Ho imparato a prenderli chiusi, così ...