iscrizionenewslettergif
Poesie

“I miei incantesimi” di Edgar Allan Poe

Di Redazione25 novembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un’emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient’altro che te.

“Preghiera” di Paulo Coelho

praying_hands Sia fatta la tua volontà Signore, perchè tu conosci la debolezza del cuore dei tuoi ...

“La morte, la vita ” di Jiddu Krishnamurti

sickChild_3 La morte è la nostra eterna compagna. E’ sempre lì, alla nostra sinistra, ad un passo di ...