iscrizionenewslettergif
Poesie

“Nessuno” di Luis Sepulveda

Di Redazione23 novembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

In un angolo del campo di concentramento,
a un passo da dove si innalzavano
gli infami forni crematori,
nella ruvida superficie di una pietra,
qualcuno,
chi?,
aveva inciso con l’aiuto di un coltello forse,
o di un chiodo,
la più drammatica delle proteste:
“Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia”.

“I bimbi di Extremadura” di Rafael Alberti

Children_Painting_6 I bimbi di Extremadura vanno scalzi. Chi ha rubato le loro scarpe? Li ferisce il caldo e il ...

“Preghiera” di Paulo Coelho

praying_hands Sia fatta la tua volontà Signore, perchè tu conosci la debolezza del cuore dei tuoi ...