iscrizionenewslettergif
Bergamo

Aeroporto, la soluzione al rumore c’è: allungare la pista a est

Di Redazione15 novembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La parte est della pista di Orio al Serio

La parte est della pista di Orio al Serio

BERGAMO — “La soluzione tecnica al problema dell’inquinamento acustico dell’aeroporto c’è. Ora si tratta di avere la volontà politica per applicarla”. Ne è convinto il capogruppo dell’Udc in consiglio comunale Giuseppe Mazzoleni, di professione ingegnere. L’allungamento della pista verso est consentirebbe agli aerei di decollare prima e quindi di arrivare già alti sulla città, riducendo drasticamente il rumore nelle case che stanno là sotto.

Mazzoleni, come le sembrano i tentativi messi in atto finora per cercare di alleviare l’inquinamento acustico dell’aeroporto?
La variazione delle traiettorie di salita ha permesso di ridurre il numero di cittadini esposti a inquinamento acustico. Tuttavia ci sono delle verifiche e delle correzioni da fare. Bisogna innanzitutto controllare che gli aerei stacchino effettivamente dal punto “alfa” previsto invece che dal “Bravo” che è qualche centinaio di metri più avanti sulla pista. E poi che effettuino effettivamente virata un po’ prima per riuscire ad andare sul corridoio dell’autostrada.

Ma la soluzione definitiva secondo lei è un’altra: l’allungamento della pista. Ce lo spiega?
Ho coinvolto dei tecnici che mi hanno dato una mano a valutare la realizzabilità dell’allungamento della pista verso, sopra il greto del fiume Serio. Questo permetterebbe di avere una pista molto lunga e la possibilità di far partire gli aerei dal fondo. Gli aerei decollerebbero sempre da ovest, ma rullando da laggiù, e di conseguenza decollando prima, arriverebbero sopra la città talmente alti da ridurre drasticamente il rumore percepito nei quartieri sotto.

Riduzione del rumore di quanto?
Secondo i nostri calcoli il rumore nella parte di Bergamo interessata scenderebbe al di sotto dei 60 decibel, perché gli aerei sarebbero già in quota.

Giuseppe Mazzoleni

Giuseppe Mazzoleni

E come verrebbe realizzato questo allungamento?
Sopra il greto del fiume e sopra la strada provinciale per Grassobbio a cui andrebbe realizzato un sottopasso.

Mi faccia capire, una pista allungata su palafitte, per intenderci…
Esatto, su palafitte. Ci sono aeroporti in giro per il mondo che sono sopra il mare, sopra intere paludi. Eppure sono riusciti a realizzare aeroporti fantastici. Dal punto di vista tecnico tutto questo è fattibile. Occorre fare un investimento e mettere da parte l’idea che quel greto del fiume non è poi così bello perché ci sono quattro robinie nel parco del Serio.

Ma non ci sarebbero problemi idrogeologici?
Naturalmente la cosa va progettata e gestita bene dal punto di vista idrogeologico e della stabilità di quel tratto di pista. Ma si tratta di questioni ingegneristicamente risolvibili.

Quanto costerebbe?
Questa soluzione richiede investimenti. Ma solo quando un aeroporto ha utili come quelli di Orio al Serio, si può fare. Investiamo ora che abbiamo le risorse, non aspettiamo quando non le avremo più.

Anche perché Sacbo ha intenzione di investire nei prossimi anni…
Ben vengano gli interventi che sono stati messi in campo finora e che verranno. Ma non risolvono il problema alla radice. Diciamola tutta: fermo restando il fatto che non vogliamo perdere posti di lavoro, e non vogliamo che “l’industria” più importante della città venga mangiata da qualcun altro, servono anche degli interventi di mitigazione ambientale che consentano ai cittadini di vivere.

E l’allungamento della pista potrebbe fare al caso?
Dobbiamo fare un investimento strutturale che risolva il problema. Si dice sempre che vogliamo un tetto ai voli: sappiamo tutti, diciamolo chiaramente, che nella realtà dei fatti non sarà così. Allora pensiamo a trovare una soluzione moderna e fattibile. Analizziamo la questione dell’allungamento della pista dal punto di vista politico. Poi ne parleremo dal punto di vista tecnico. Io ritengo che sul versante tecnico sia assolutamente fattibile. Si tratta solo di avere la volontà politica di realizzarla.

Ryanair, nuova trovata: film porno sugli aerei

Un aereo della Ryanair BERGAMO -- Le trovate stravaganti di Michael O'Leary sono parte del successo della compagnia. L'amministratore ...

Giovedì sciopero: possibili disagi al Cups dell’ospedale

L'ospedale di Largo Barozzi BERGAMO -- Disagi in vista giovedì 17 novembre per lo sciopero dei sindacati Cobas e ...