iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’albatros” di Charles Baudelaire

Di Redazione10 novembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Sovente, per diletto, i marinai catturano degli albatri, grandi
uccelli marini che seguono, indolenti compagni di viaggio, il
bastimento scivolante sopra gli abissi amari.
Appena li hanno deposti sulle tavole, questi re dell’azzurro, goffi
e vergognosi, miseramente trascinano ai loro fianchi le grandi,
candide ali, quasi fossero remi.
Come è intrigato e incapace, questo viaggiatore alato! Lui, poco
addietro così bello, com’è brutto e ridicolo! Qualcuno irrita il
suo becco con una pipa mentre un altro, zoppicando, mima
l’infermo che prima volava!
E il poeta, che è avvezzo alle tempeste e ride dell’arciere, assomiglia
in tutto al principe delle nubi: esiliato in terra, fra gli
scherni, non puo’ per le sue ali di gigante avanzare di un passo.

“L’amico che dorme” di Cesare Pavese

Che diremo stanotte all'amico che dorme? La parola più tenue ci sale alle labbra dalla pena più ...

“Forza mio cuore” di Archiloco

Cuore mio, devastato da mali senza fine, svegliati! c'è da lottare, ai nemici fa' guerra, ...