iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Valle Imagna

Uccise il vicino a colpi di pistola: condannato a 16 anni

Di Redazione27 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri in azione

I carabinieri in azione

BERGAMO — Uccise il vicino di casa e tentò di ammazzare anche la di lui moglie, perché facevano troppo rumore. E’ stato condannato a 16 anni di reclusione Claudio Pinto, il carpentiere di 37 anni, di Rota Imagna autore dell’omicidio.

L’uomo esasperato dai rumori, secondo lui eccessivi, che venivano dall’appartamento sopra il suo, il 22 agosto del 2010 aveva preso una pistola e sparato a due villeggianti di Melzo, sul pianerottolo della casa.

Quattro colpi di 38 special, che Pinto deteneva per uso sportivo. Così l’uomo uccise Felice Mariani, 71 anni, di Melzo, e ferì la moglie Giancarla Severgnini, di 61, che si era data alla fuga dopo aver visto il marito morire.

Pinto si è poi consegnato dai carabinieri. Non prima di essersi autoinflitto una ferita a una gamba con un coltello che ha poi messo nelle mani di Mariani per inscenare un’aggressione. Il pm aveva chiesto 14 anni sostenendo il vizio parziale di mente. La difesa spingeva per l’infermità mentale.

Il giudice ha decretato che Pinto sconti anche tre anni in una casa di cura per malati psichiatrici e risarcisca con 300mila euro il figlio della vittima e la donna ferita.

Deltaplano precipita da 50 metri: ferito 40enne

Un deltaplanista RONCOLA -- Drammatico incidente sabato pomeriggio per un deltaplanista impegnato in un volo nella zona ...

Rota Imagna, villetta in fiamme: tre persone in ospedale

I pompieri ROTA IMAGNA -- Ci sarebbe il malfunzionamento di un camino all'origine dell'incendio che ieri mattina ...