iscrizionenewslettergif
Politica

Licenziamenti più facili e pensioni: ecco il piano del governo

Di Redazione27 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Berlusconi e Tremonti

Berlusconi e Tremonti

ROMA — Ecco i contenuti del provvedimento che il governo intende mettere in atto per adempiere alla richiesta di riforme strutturali fatta dall’Unione Europea al nostro paese. “L’Italia ha sempre onorato i propri impegni europei e intende continuare a farlo. Quest’estate il Parlamento italiano ha approvato manovre di stabilizzazione finanziaria con un effetto correttivo sui saldi di bilancio al 2014 pari a 60 miliardi di euro. Sono state così create le condizioni per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013, con un anno di anticipo rispetto a quanto richiesto dalle istituzioni europee. Dal 2012, grazie all’aumentato avanzo primario, il nostro debito scenderà. Tuttavia, siamo consapevoli della necessità di presentare un piano di riforme globale e coerente”. E’ quanto scritto nella lettera che il governo consegna questa sera ai vertici comunitari.

LIBERALIZZAZIONI ENTRO MARZO 2012 – “Entro il 1/mo marzo 2012 saranno rafforzati gli strumenti di intervento dell’Autorità per la Concorrenza per prevenire le incoerenze tra promozione della concorrenza e disposizioni di livello regionale o locale. Verrà generalizzata la liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali in accordo con gli enti territoriali”. E’ quanto si legge nel testo definitivo della lettera portata dal governo al vertice Ue. Le principali disposizioni riguardano i settori della distribuzione dei carburanti e della Rcauto

PIANO CRESCITA ENTRO 15 NOVEMBRE – Nella lettera del governo all’Ue si prevede il piano di crescita entro il 15 novembre.

NEL 2013 ZONE SPERIMENTALI A ‘BUROCRAZIA ZERO’ – “Il Governo incentiva la costituzione di ‘zone a burocrazia zero’ in tutto il territorio nazionale in via sperimentale per tutto il 2013, anche attraverso la creazione dell’Ufficio Locale dei Governi quale autorità unica amministrativa che coinvolgerà i livelli locali di governo in passato esclusi”. Lo annuncia la lettera che il governo presenterà questa sera a Bruxelles. Il Governo mira tra l’altro a semplificare la costituzione del bilancio delle S.r.l.

IN PENSIONE ALMENO A 67 ANNI – “Grazie al meccanismo di aggancio dell’età pensionabile alla speranza di vita introdotto nel 2010, il Governo italiano prevede che il requisito anagrafico per il pensionamento sarà pari ad almeno 67 anni per uomini e donne nel 2026”. E’ quanto si legge nella lettera inviata dal governo all’Europa. “Nella attuale legislatura – si legge ancora – la normativa previdenziale è stata oggetto di ripetuti interventi che hanno reso a regime il sistema pensionistico italiano tra i più sostenibili in Europa e tra i più capaci di assorbire eventuali choc negativi”.

PER MAGGIO 2012 LICENZIAMENTI PIU’ FACILI – “Entro maggio 2012 l’esecutivo approverà una riforma della legislazione del lavoro funzionale alla maggiore propensione ad assumere e alle esigenze di efficienza dell’impresa, anche attraverso una nuova regolazione dei licenziamenti per motivi economici nei contratti di lavoro a tempo indeterminato”. E’ quanto si legge nella lettera presentata dal governo italiano all’Unione europea

STRETTA SU CONTRATTI PARA-SUBORDINATI – “Più stringenti condizioni nell’uso dei ‘contratti para-subordinati’ dato che tali contratti sono spesso utilizzati per lavoratori formalmente qualificati come indipendenti ma sostanzialmente impiegati in una posizione di lavoro subordinato”. E’ quanto prevede il governo nella lettera inviata alla Ue

PER GLI STATALI ARRIVA LA MOBILITA’ – Il governo interverrà nella Pubblica amministrazione e renderà effettivi “con meccanismi cogenti/sanzionatori: la mobilità obbligatoria del personale; la messa a disposizione (Cassa integrazione) con conseguente riduzione salariale e del personale; superamento delle dotazioni organiche: lo prevede la lettera del governo alla Ue

Pagnoncelli: il nostro candidato non sarà un ciellino dogmatico

Marco Pagnoncelli BERGAMO -- "Il nostro candidato al congresso del Pdl non sarà necessariamente un ciellino dogmatico. ...

Mazzoleni (Udc): vogliamo conoscere il “Piano rischi” dell’aeroporto

Giuseppe Mazzoleni, capogruppo dell'Udc in consiglio comunale BERGAMO -- Il capogruppo dell'Udc in consiglio comunale Giuseppe Mazzoleni ha presentato un'interpellanza urgente, firmata ...