iscrizionenewslettergif
Politica

Pdl, il congresso spinge il tesseramento: iscritti ben oltre le previsioni

Di Redazione26 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Le bandiere del Pdl

Le bandiere del Pdl

BERGAMO — Un successo inatteso. Secondo indiscrezioni, sarebbero molte più del previsto le iscrizioni raccolte dal Pdl durante il tesseramento che si chiuderà il 30 ottobre prossimo.

Sarà che il congresso in vista stimola la voglia di mettersi in gioco e qualche modo contare nel partito. Sarà la ventata di novità portata dal segretario Alfano, sarà che non avendo altri sbocchi cercano un’occasione dalla politica, fatto sta che i numeri degli scorsi tesseramenti sarebbero stati superati e di molto. Numeri altissimi, molto al di sopra delle più rosee previsioni, assicurano dal partito.

Al netto della propaganda e del rischio dei “signori delle tessere” (ovvero quelli che comprano tessere a valanga regalandole, pericolo segnalato da più di un esponente nazionale pidiellino), le cifre sarebbero molto molto significative, assicurano da via Frizzoni.

Certo esseri iscritti non significa necessariamente presentarsi a un congresso. Tuttavia si tratta di un segnale positivo per il Pdl e un indice di una partecipazione attiva, nonostante le vicende nazionali non depongano per la credibilità del partito. Una cosa però è certa: in Bergamasca tutti i protagonisti, indistintamente, si sono dati in gran da fare per portare nuovi tesserati e, a quanto pare, ci sarebbero riusciti. Non siamo in grado di azzardare cifre che restano ovviamente coperte dal più stretto riserbo. Ma da quanto abbiamo appreso, nel computo dei nuovi tesserati, sia sul fronte laico sia sul fronte formigoniano, sarebbe cresciuta in maniera esponenziale la presenza di giovani e donne.

Lo sforzo di tutti i componenti – maggiori e minori, coordinatore compreso -, è stato notevole. E, assicurano, mai si era vista dalla nascita di questo partito ibrido una simile mobilitazione. Le tessere verranno consegnate al coordinamento nazionale di Roma che dovrà vagliarne la validità. Dopodiché toccherà al coordinatore Alfano convocare i congressi. E allora fuoco alle polveri: a Bergamo vedremo un confronto serrato fra il fronte ciellino-formigoniano capitanato da Marcello Raimondi, Marco Pagnoncelli e Valerio Carrara e quello laico, guidato da Enrico Piccinelli. Se il numero dei tesserati e quindi degli aventi diritto al vota sarà davvero quello paventato, le strategie di entrambi gli schieramenti sono destinate necessariamente a cambiare. Ne vedremo delle belle.

Fini: la moglie di Bossi in pensione a 39 anni (video)

Gianfranco Fini ROMA -- "Voglio essere cattivello... non tutti sanno che c'é una insegnante che è andata ...

Inopportuno in tv: la Lega chiede le dimissioni di Fini (video)

Il presidente della Camera Gianfranco Fini ROMA -- "È inopportuno che il presidente della Camera Gianfranco Fini faccia politica e partecipi ...