iscrizionenewslettergif
Politica

Muro contro muro sulle pensioni. E spunta l’ipotesi patrimoniale

Di Redazione25 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Umberto Bossi e Silvio Berlusconi

Umberto Bossi e Silvio Berlusconi

ROMA — Nessun accordo sul nodo pensioni. Tra Pdl e Lega resta lo stallo, nonostante gli inviti della presidentessa degli Industriali Emma Marcegaglia che ha chiesto al premier riforme strutturali e decisioni difficili. Bossi non cede e il governo, a questo punto, rischia il tracollo.

Nelle prossime nuove riunioni per cercare di sbrogliare la matassa ma l’impresa non è assolutamente scontata. Bossi non intende mollare sull’età pensionabile. Il Carroccio, riferiscono fonti leghiste, non voterà mai la riforma delle pensioni e se Berlusconi scegliesse di andare avanti con i voti del Terzo Polo la maggioranza sarebbe finita.

Il leader della Lega all’incontro al vertice di ieri sera avrebbe ribadito che la riforma delle pensioni non passerà con i voti della Lega. E su questo, avrebbe poi confidato ai suoi, il governo rischia di cadere. La Lega, infatti, si schiera compatta a difesa delle pensioni. Rosi Mauro, vicepresidente del Senato e braccio destro di Umberto Bossi, addirittura invoca la piazza: “Se si arrivasse a un innalzamento indiscriminato dell’età pensionabile a 67 anni il sindacato padano è pronto allo sciopero e scenderemo in piazza”.

Tuttavia si lavora a un compromesso: sì all’innalzamento dell’età pensionabile in cambio dell’introduzione di una patrimoniale che potrebbe placare la base leghista in subbuglio. Smentita invece l’ipotesi dei 12 condoni. Nel frattempo, dopo l’ultimatum di Francia e Germania, Berlusconi ha incontrato il presidente Napolitano e lo ha rassicurato che l’Italia non è a rischio perché i fondamentali sono solidi.

Pirovano: la tariffa rifiuti aumenterà in media del 4 per cento

Ettore Pirovano BERGAMO -- Dopo le polemiche sull'incremento della tariffa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, che ...

Bettoni: fermare i tagli ai piccoli comuni

Valerio Bettoni BERGAMO -- "Alla faccia del vero federalismo e del principio di sussidiarietà: oggi i piccoli ...