iscrizionenewslettergif
Italia

Black bloc: nuovo allarme per domenica in Val di Susa

Di Redazione19 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I black bloc in azione

I black bloc in azione

ROMA — Dopo le devastazioni di Roma, l’allarme black bloc si trasferisce in Val di Susa, dove domenica 23 ottobre è in programma un corteo dei No-Tav.

Il tam tam corre già in Rete: “Il 23 ottobre si dovranno tagliare le reti che vedono la Val Susa ostaggio della lobby del Tav”.

I black bloc sono comparsi dal nulla 10 anni fa al G8 di Genova. Su di loro regna ancora un’aurea di mistero. Si tratta di gruppi di estremisti con forti legami internazionali che pianificano, quasi con fare scientifico, le loro incursioni tese a far degenerare i cortei e portare a un’insurrezione.

Sono guidati da un “nucleo di comando” che decide modalità degli interventi e obiettivi da colpire. A sorpresa, nei gruppi sono presenti molte donne e minori. Ragazze che arrivano nei cortei in maniera autonoma o da sole e poi si mimetizzano tra la folla prima di ricongiungersi al “blocco” dei “duri”. Una tecnica sperimentata con successo in Val di Susa e nelle manifestazioni in Grecia.

Il mezzo di comunicazione più utilizzato è Internet, messaggi sugli smartphone che possono sfuggire alle intercettazioni, forum e chat. Il tutto fino a 10 giorni prima della protesta. Poi, silenzio assoluto. Nessun cellulare, per evitare di essere seguiti e copertura del volto durante le incursioni per evitare di essere riconosciuti dalla polizia. E, in caso di fermo, nessuna risposta agli interrogatori.

Maroni, fidejussione per le manifestazioni: chi danneggia paghi

Roberto Maroni ROMA -- Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo ...

Molestava la ex: 76enne condannato per stalking

La Polizia MILANO -- Un uomo anziano di 76 anni, nonostante l'età, non ha smesso di prevaricare ...