iscrizionenewslettergif
Università

Al via la specializzazione in archeologia

Di Redazione19 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Archeologia

Archeologia

Al via la “Nesiotika”, ovvero la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici. Il nuovo percorso di studi nasce all’Universita’ degli Studi di Sassari che ha la propria sede ad Oristano, in virtu’ dell’accordo tra l’Ateneo sassarese e Consorzio Uno, ente gestore della sede universitaria decentrata.

La Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Universita’ degli Studi di Sassari propone ai suoi iscritti una tematica di studio compendiata nel sintagma latino “Insulae Maris Nostri et Externi”, cioè l’ambito geografico del Mediterraneo e dei mari ad esso esterni, come il Mar Nero, il Mar Rosso e, soprattutto, l’Atlantico iberico, portoghese e marocchino, in cui si snoda “La ruta de las islas”.

Alla conferenza stampa erano presenti il rettore dell’ateneo sassarese Attilio Mastino, il direttore della Scuola di Specializzazione, Raimondo Zucca, professore ordinario di Storia e Archeologia del Mediterraneo Antico alla Facolta’ di Lettere dell’Universita’ di Sassari, Aldo Maria Morace, preside della Facolta’, Alberto Moravetti, Direttore del Dipartimento di Storia, Piero Bartoloni, Direttore del Museo Archeologico di Sant’Antioco e professore ordinario di Archeologia fenicio-punica presso la Facolta’ di Lettere e Filosofia dell’Universita’ di Sassari.

Sinergia tra atenei e ricerca farmaceutica

Ricerca farmaceutica Importante sinergia tra Università e ricerca farmacologica. Questo l’obiettivo dell’evento organizzato dalla Società Italiana di ...

Lombardia: contratto d’apprendista per i neolaureati

Roberto Formigoni Un accordo per la promozione e diffusione del contratto di apprendistato per l'Alta Formazione, siglato ...