iscrizionenewslettergif
Poesie

“A Zacinto ” di Ugo Foscolo

Di Redazione17 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Né più mai toccherò le sacre sponde
ove il mio corpo fanciulletto giacque,
Zacinto mia, che te specchi nell’onde
del greco mar da cui vergine nacque
Venere, e fea quelle isole feconde
col suo primo sorriso, onde non tacque
le tue limpide nubi e le tue fronde
l’inclito verso di colui che l’acque
cantò fatali, ed il diverso esiglio
per cui bello di fama e di sventura
baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.
Tu non altro che il canto avrai del figlio,
o materna mia terra; a noi prescrisse
il fato illacrimata sepoltura.

“Poeta nel tramonto” di Antonio Machado

Nature_Sundown_Sunset_on_the_sea_horizon_015179_ Nuda è la terra, e l'anima ulula contro il pallido orizzonte come lupa famelica. Che ...

“La semplicità” di Alda Merini

Fragile_heart____by_Liek La semplicità è mettersi nudi davanti agli altri. E noi abbiamo tanta difficoltà ad essere veri ...