iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Gravidanza: cosa succede dopo la 40a settimana?

Di Redazione14 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gravidanza a termine

Gravidanza a termine

Si calcola che la gravidanza duri 40 settimane. Ma che succede quando la data prevista (dpp) viene superata, senza sintomi o segnali di parto imminente?

Se la Dpp viene superata vengono effettuati controlli per verificare la salute della futura mamma e del bambino. A questo punto si può decidere di aspettare ancora qualche giorno, tenendo monitorati mamma e bebé, fino al compimento della 41esima settimana; oppure di interromperla artificialmente per provocare il travaglio che viene stimolato attraverso l’iniezione di sostanze che favoriscono la contrazione dell’utero, ovvero un gel con prostaglandine.

Il calcolo della durata di una gravidanza si fa partendo dalla data del primo giorno dell’ultima mestruazione. Si considera a termine una gravidanza che raggiunge la 37esima settimana, tuttavia il termine del tempo di attesa può protrarsi per altre cinque settimane, dunque fino alla 41esima.
Il parto indotto è una pratica a cui si ricorre nei casi di manifestazione di problematiche come la gestosi, il diabete o in caso la gravidanza riguardi la nascita di gemelli.

Pubblicità dannosa: per i pediatri va limitata

Junk food Limitare la pubblicita' rivolta ai bambini. In particolare gli spot relativi a cibo e alimentazione. E' ...

Allattamento: mamme più aggressive e coraggiose

Allattamento Le mamme che allattano al seno il proprio bambino sono più aggressive, e anche più ...