iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi stoppa il governo tecnico: se cado si va ad elezioni (video)

Di Redazione13 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il premier Berlusconi durante il suo discorso

Il premier Berlusconi durante il suo discorso

ROMA — “E’ stato un incidente parlamentare di cui la maggioranza porta la responsabilità e di cui chiedo scusa, ma che va sanato con un voto di fiducia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenendo alla Camera e chiedendo la fiducia al governo.

Berlusconi ha parlato di “incidente grave” garantendo però che “non ci saranno conseguenze sul piano istituzionale”. Il premier ha spiegato che il governo presenterà un nuovo provvedimento sul rendiconto generale dello Stato.

Lo scivolone è avvenuto “su un atto squisitamente contabile” ha detto Berlusconi sottolineando che “non ci sono alternative” nell’opposizione e ricordando che se un governo perde la fiducia “la parola deve tornare agli elettori”.

“A chi ci chiede di fare un passo indietro – ha detto ancora il Cavaliere – rispondiamo che mai come in questo momento sentiamo la responsabilità di non accondiscendere a tale richiesta. E questo non per preservare dei poteri, ma nella convinzione che questo governo non ha alternative credibili e che i problemi del paese non possono essere risolte da un governo tecnico non legittimato democraticamente a fare scelte che di questi tempi possono anche essere impopolari. Noi ci assumeremo le responsabilità delle nostre scelte, diversamente da quello che farebbe un governo tecnico che mai si confronta con gli elettori”.

Le opposizione non si sono presentate in aula per protesta. Presenti solo i deputati radicali.

Congresso Pdl: la fuoriuscita degli scajoliani cambia gli assetti

Gregorio Fontana e Marco Pagnoncelli BERGAMO -- La strategia di Claudio Scajola, che porterà alla creazione di un nuovo grippo ...

Strafalcioni in video: e il ministro La Russa cade sull’inglese

Ignazio La Russa ROMA -- Che la lingua inglese non sia il punto forte del ministro della ministro ...