iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Parto prematuro, sotto accusa lo smog

Di Redazione12 ottobre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gravidanza in città

Gravidanza in città

Le future mamme che vivono in città hanno maggiori probabilità di partorire pretermine. Infatti l’inquinamento atmosferico nuoce al feto e fa crescere la probabilità di un parto prematuro fino al 30 per cento.

Smog e agenti inquinanti agiscono negativamente anche sulla crescita di un feto che così rischia maggiormente di nascere in forte anticipo. Ad affermarlo è un team di studiosi dell’Università della Calofornia.

“L’inquinamento è quindi noto per essere un fattore di rischio associato a nascite sottopeso e parti prematuri”- spiegano i ricercatori. Sotto accusa, gli idrocarburi policiclici aromatici (Ipa), benzene e diesel, sostanze nocive concentrate soprattutto nelle grandi città, e ancor più pericolose se si vive lontano dal mare.

Dannosi i cartoni animati troppo veloci

SpongeBob Squarepants I bimbi nati nel nuovo secolo, rispetto a quelli nati venti o trenta anni fa, ...

Pubblicità dannosa: per i pediatri va limitata

Junk food Limitare la pubblicita' rivolta ai bambini. In particolare gli spot relativi a cibo e alimentazione. E' ...