iscrizionenewslettergif
Politica

Stucchi (Lega): via i profughi violenti da Camerata Cornello

Di Redazione29 settembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giacomo Stucchi

Giacomo Stucchi

BERGAMO — Una nuova collocazione sul territorio europeo per i profughi libici che attualmente stazionano a Camerata Cornello. E’ quanto chiede il deputato bergamasco della Lega Nord Giacomo Stucchi, che ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro degli Interni Roberto Maroni.

“Dal mese di giugno 2011 una parte dei profughi provenienti dalla Libia sono ospitati nell’Ostello dei Tasso di Camerata Cornello (BG), un piccolo borgo medievale sito in Valle Brembana di grande interesse storico e artistico” si legge nel documento. “Dall’arrivo di tali profughi la sicurezza dei cittadini è continuamente messa a repentaglio dai violenti litigi fra loro. I cittadini, molestati dai profughi ubriachi, non sporgono denuncia, intimoriti dalla obbligata convivenza quotidiana. Ieri si è verificato l’ennesimo episodio di violenza, che ha provocato un ferito. Le Forze dell’Ordine sono chiamate spesso ad intervenire, per cercare di arginare atti vandalici e prepotenze”.

Per questo Stucchi chiede al ministro di “intraprendere nuovo iniziative affinchè tali profughi, accolti dalle nostre Regioni, possano trovare al più presto una diversa collocazione su tutto il territorio dei Paesi UE, che devono mantenere gli impegni assunti ai diversi livelli istituzionali, senza trascinare all’esasperazione la popolazione bergamasca, costretta a convivere con soggetti extracomunitari in questione, irrispettosi delle regole del vivere civile”.

La maggioranza regge: non passa la sfiducia al ministro Romano

Il ministro dell'Agricoltura Saverio Romano ROMA -- La maggioranza ha retto alla prova della sfiducia a Saverio Romano. La mozione ...

Fema, Misiani (Pd): i lavoratori siano liberi di esprimersi

Antonio Misiani BERGAMO -- "Sarebbe molto grave se i i tempi delle retribuzioni fossero condizionati dall'adesione o ...