iscrizionenewslettergif
Bergamo

Molesta una 13enne: marocchino condannato, ma è irreperibile

Di Redazione27 settembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ne siamo sicuri?

Ne siamo sicuri?

BERGAMO — E’ stato condannato a due anni di reclusione e 7000 euro di risarcimento alla vittima di molestie sessuali. Solo che, ovviamente, in attesa della sentenza si è dato alla macchia. Protagonista della vicenda un marocchino di 70 anni, irreperibile.

Tutto comincia nel maggio del 2010 quando l’extracomunitario incontra una ragazzina di 13 anni che suona la chitarra in attesa del bus. Il quartiere è periferico, la gente a quell’ora non molta. Per cui il marrano tenta l’approccio: con la scusa di insegnarle a suonare, si avvicina alla ragazzina e la palpeggia pesantemente nelle parti intime.

La tredicenne, sconvolta, fugge. Chiede aiuto ai passanti che chiamano subito la polizia. Nel giro di poco tempo l’extracomunitario viene trovato e fermato. Non viene arrestato, ma è indagato a piede libero. In attesa del processo, ovviamente, si rende irreperibile.

Questa mattina il giudice lo ha condannato, in contumacia visto che di lui non c’è più nessuna traccia a Bergamo. Ha preso due anni che, in tutta probabilità, non sconterà mai. Sperare che paghi i 7000 euro di provvisionale, poi, è ancor più di un’utopia. L’unica cosa reale che resta è una ragazzina scossa nel profondo, impaurita e che si domanda ancora, come noi del resto: ma in che paese viviamo?

Percassi esce dal cda del Credito Bergamasco

Antonio Percassi BERGAMO -- Antonio Percassi ha rinunciato all'incarico di componente del consiglio d'amministrazione del Credito Bergamasco ...

Avis: sabato inaugurazione della nuova sede

Donatore di sangue BERGAMO -- Sarà inaugurata sabato 1 ottobre alle 17, alla presenza di numerose autorità, la ...