iscrizionenewslettergif
Politica

Manovra, Ribolla: è stata la Lega a difendere i Comuni

Di Redazione22 settembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Alberto Ribolla

Alberto Ribolla

BERGAMO — “La Lega Nord non indebolisce i Comuni. Anzi, da sempre è dalla parte degli enti locali”. Lo dichiara Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord, in riferimento all’intervento del capogruppo del Pd Elena Carnevali, pubblicato oggi sulla stampa locale.

“La Lega Nord ha da sempre sostenuto gli enti locali virtuosi, che però troppo spesso devono pagare gli sprechi dei Comuni del Sud Italia. Basti pensare che mediamente il numero dei dipendenti comunali al Sud è pari a cinque volte quelli del Nord e che i dipendenti di Regione Lombardia sono 3 mila mentre quelli di Regione Sicilia, con la metà degli abitanti, sono oltre 20 mila”.

Ribolla a questo proposito prende come esempio Alzano Lombardo, comune di 13.247 abitanti con 68 dipendenti comunali: “Un numero che è circa 4 volte inferiore rispetto a quello registrato in altri Comuni del Sud con più o meno lo stesso numero di abitanti (Mussomeli in provincia di Caltanissetta conta 245 dipendenti comunali su poco più di 11 mila abitanti, Partanna in provincia di Trapani, è a quota 247, giusto per citare alcuni esempi). Eppure, Lega a parte, a Roma nessuno denuncia questi sprechi”.

Il riferimento è “agli altri partiti politici di destra, centro e sinistra, che al Nord copiano la Lega parlando di federalismo e di virtuosità (anche se vent’anni fa queste parole erano considerate fumo negli occhi dai non leghisti) – dichiara Ribolla – mentre a Roma continuano a difendere le politiche assistenzialiste del Centro sud, dovendo ascoltare anche le esigenze del loro elettorato meridionale”.

Per quanto riguarda la manovra Ribolla sottolinea che “grazie alla Lega Nord, sono state introdotte misure per tutelare gli enti locali virtuosi. Grazie ai ministri Maroni e Calderoli – fa notare il capogruppo – i tagli agli enti locali sono stati ridotti di 1,8 miliardi di euro, di cui 500 milioni ai Comuni, passando da 6 miliardi a 4,2 miliardi. Si è agito sulla spesa centrale, con un taglio ai ministeri pari a 8,5 miliardi di euro. Inoltre, l’anticipazione dell’applicazione dei fabbisogni standard e dei criteri di virtuosità avrà ulteriori effetti benefici per i Comuni virtuosi”.

Altro punto su cui il capogruppo della Lega vuole fare chiarezza è la coalizione che amministra la città a Palazzo Frizzoni: “Una coalizione che – sottolinea -, a differenza di quanto vogliono far credere le minoranze, è saldissima. Lo si vede nell’attività programmatica ed amministrativa che portiamo avanti in sintonia di giorno in giorno”.

Martina (Pd): i piccoli comuni lasciati soli

Maurizio Martina BERGAMO -- "La situazione segnalata dagli amministratori comunali di Corna Imagna in questi giorni rivela, ...

Sondaggi: Berlusconi cala ancora, centrodestra sotto di 6 punti

Berlusconi, Tremonti e Bossi MILANO -- Stando ai recenti sondaggi, continua a perdere terreno Silvio Berlusconi nel gradimento degli ...