iscrizionenewslettergif
Politica

Il Pdl presenta la nuova legge sui parchi

Di Redazione14 settembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Carlo Saffioti

Carlo Saffioti

BERGAMO — Il 4 agosto scorso è stata approvata la nuova legge regionale sui parchi, destinata a rivoluzionare l’assetto degli enti gestori delle aree protette lombarde. Per far chiarezza sulla legge, aiutando le amministrazioni locali e gli operatori coinvolti, il Popolo della Libertà di Bergamo ha organizzato un convegno sulla “Nuova organizzazione degli enti gestori dei parchi”.

A introdurre il tema, Carlo Saffioti, presidente dell’VIII commissione del consiglio regionale (Agricoltura, Parchi, Risorse idriche) e relatore della legge, mentre l’approfondimento tecnico spetterà ad Anna Bonomo, Dirigente U.O. Parchi, Rete Natura 2020 di Regione Lombardia. A coordinare gli interventi, Giuseppe Bettera, capogruppo PDL in Provincia di Bergamo.

La legge 12 del 4 agosto 2011 disciplina la trasformazione in enti di diritto pubblico degli attuali consorzi di gestione dei parchi regionali (istituiti dalla legge regionale 30 novembre 1983 n. 86) e le modalità di organizzazione degli enti gestori dei parchi regionali, al fine di valorizzare le peculiarità del modello sovracomunale di gestione e organizzazione delle aree protette lombarde, preservarne il patrimonio e la biodiversità, quale obiettivo primario della gestione, promuovere il rilancio del sistema regionale (per garantirne la fruizione da parte dei cittadini e delle generazioni future) nonché migliorare l’efficacia della gestione e razionalizzare la spesa.

L’appuntamento è per venerdì 16 settembre 2011, alle ore 18.00, presso la Sala Nembrini della Casa del Giovane in via Gavazzeni 13, a Bergamo.

Trasporto pubblico, Misiani: la ribellione di Ceci è stupefacente

Antonio Misiani BERGAMO -- "La presa di posizione del vicesindaco del Comune di Bergamo, avv. Ceci - ...

La Lega voterà “no” all’arresto di Milanese

Marco Milanese ROMA -- Nonostante le forti perplessità dei maroniani, alla fine il capo Umberto Bossi ha ...