iscrizionenewslettergif
Politica

I magistrati: Berlusconi venga da noi o andremo a prenderlo

Di Redazione14 settembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

NAPOLI — Venga in procura per essere interrogato o andremo a prenderlo. E’ questo l’ultimatum che i magistrati che indagano sulla vicenda Tarantini hanno intimato al presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

La procura di Napoli indica quattro possibili date per l’interrogatorio, in qualità di persona offesa, di Berlusconi, dopo l’appuntamento di ieri saltato per la trasferta europea del premier: giovedì 15, venerdì 16, sabato 17 o domenica 18 settembre, dalle ore 8 alle ore 20. A quanto si è appreso, nel caso di un rifiuto a farsi ascoltare, i pm avvierebbero la procedura per l’accompagnamento coatto del testimone.

In procura si sottolinea anche che l’eventuale procedura di accompagnamento coatto del teste, in caso di rifiuto del premier a farsi ascoltare, richiederebbe comunque l’autorizzazione della Camera, essendo Berlusconi un deputato.

La citazione a Silvio Berlusconi a comparire quale persona informata sui fatti davanti ai pm di Napoli in una data compresa tra il 15 e il 18 settembre è stata notificata questa mattina nella residenza di Villa San Martino, ad Arcore (Monza).

Assente per un viaggio a Bruxelles, l’atto è stato consegnato dalla Digos ad un addetto della segreteria del premier.

La Lega voterà “no” all’arresto di Milanese

Marco Milanese ROMA -- Nonostante le forti perplessità dei maroniani, alla fine il capo Umberto Bossi ha ...

Manovra, oggi sciopero dei sindaci. Mazzoleni (Udc): fanno bene

Giuseppe Mazzoleni BERGAMO -- "La protesta dei sindaci non è affatto una perdita di tempo come afferma ...