iscrizionenewslettergif
Primo Piano

Evasione fiscale: ecco come si combatte in Usa, Germania e Cina

Di Redazione5 settembre 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La Guardia di finanza

La Guardia di finanza

BERGAMO — L’evasione fiscale. E’ questo la questione di fondo del nostro paese. E mentre in Italia si continua a discutere all’infinito di soluzioni più o meno attuabili, di strette e giri di vite che non arrivano mai, negli altri paesi d’Europa e del mondo le soluzioni le hanno già trovate.

Negli Stati Uniti, per esempio, per gli evasori fiscali sono previsti il carcere e pesanti sanzioni. Il mancato versamento delle tasse prevede fino a 5 anni di prigione e multe per 100mila dollari. Mentre le false dichiarazioni sui rimborsi sono puniti con 3 anni di galera.
In Cina, fino all’inzio di quest’anno, l’evasione fiscale era addirittura punita con la pena di morte. Ora con 7 anni di galera, e una multa pari 5 volte la somma dovuta.

In Germania, per casi particolarmente gravi condanne fino a 10 anni. Normalmente fino a 5 anni oppure sanzioni amministrative. Solo che il governo tedesco gli evasori va proprio a cacciarli. Con un’operazione su cui nessuno, ma proprio nessuno, ebbe nulla da dire, il governo pagò 4 milioni di euro a un funzionario di una banca del Leichtestein, per avere l’elenco segreto di 4500 tedeschi e non che avevano conti correnti bancari celati nel paradiso fiscale.

Insegnante precaria ottiene cattedra di ruolo dopo 37 anni

Una scuola CALTANISSETTA -- Ottiene una cattedra di ruolo dopo 37 anni precariato. E' una vicenda che ...

Russo compra un atollo per far tornare gli zar

Un atollo ISOLE COOK -- Si è comprato un atollo nell'arcipelago delle Cook, in pieno Oceano Pacifico, ...