iscrizionenewslettergif
Politica

Uniacque: D’Aloia propone compenso di 1 euro l’anno

Di Redazione30 agosto 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gianni D'Aloia, Carlo Saffioti e Gregorio Fontana

Gianni D'Aloia con il coordinatore del Pdl Carlo Saffioti

BERGAMO — Un gesto simbolico, per cercare di stemperare le polemiche. Gianni D’Aloia, nominato nuovo presidente di Uniacque il mese scorso, ha espresso la volontà di ricevere un compenso simbolico di un euro l’anno.

Il celebre avvocato d’affari, titolare di un prestigioso studio in città, ha affermato che era sua intenzione svolgere l’incarico gratuitamente già prima che si scatenasse il putiferio politico per la sua nomina in consiglio d’amministrazione. La decisione ufficiale dovrà essere ratificata dalla prossima riunione del Cda della società, fissata per il 5 settembre. Nella stessa sede verrà decisa la ripartizione dei 125mila euro di compensi, concessi ai membri del cda dalla Provincia.

Al di là della diatriba sui compensi ordinari, D’Aloia si troverà a gestire una delle operazioni societarie più importanti degli ultimi tempi: la fusione fra Uniacque e Bas Sii.

Gasparri: Penati parte di sistema più ampio. E Fassino lo querela

Piero Fassino ROMA -- E' un brutto segno quando in politica si passa dal confronto alle querele. ...

Manovra: saltano aumento Iva e contributo, interventi sulle pensioni

Tremonti e Berlusconi ARCORE -- Contrordine compagni. Dopo aver ipotizzato tutto e il contrario di tutto, è stata ...