iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il vuoto” di Georges Bataille

Di Redazione23 agosto 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Le fiamme ci avvolsero
sotto i nostri passi l’abisso si aprì
un silenzio di latte di gelo d’ossa
ci avviluppò di un alone
tu sei la trasfigurata
la mia sorte ti ha scassato i denti
il tuo cuore è un singhiozzo
le tue unghie hanno trovato il vuoto
tu parli come il ridere
i venti sollevano i tuoi capelli
l’angoscia che chiude il cuore
precipita la tua impertinenza
le tue mani dietro la mia testa
non afferrano che la morte
i tuoi baci ardenti non si aprono
che alla mia povertà d’inferno
sotto al baldacchino sordido
dove pendono i pipistrelli
la tua meravigliosa nudità
non è che una menzogna senza lacrime
il mio grido ti chiama dentro al deserto
dove tu non vuoi venire
il mio grido ti chiama dentro al deserto
dove i tuoi sogni s’avvereranno
la tua bocca chiusa nella mia bocca
e la tua lingua tra i miei denti
l’immensa morte ti accoglierà
l’immensa notte cadrà
allora io avrò fatto il vuoto
dentro la tua testa abbandonata
la tua assenza sarà nuda
come una gamba senza calza
aspettando il disastro
quando la luce s’estinguerà
io sarò dolce nel tuo cuore
come il freddo della morte.

“L’Angelo buono” di Rafael Alberti

quadro_e_merce_011970 Venne quello che amavo, quello che chiamavo. Non quello che spazza cieli senza difese, astri senza capanne, lune senza ...

“Trepidanti statue” di William Blake

blake «Piuttosto soffocare un bambino nella culla che cullarlo d'insoddisfatti desideri. » Trepidanti statue di sangue ...