iscrizionenewslettergif
Italia

Melania, la difesa: Parolisi non era in quel bosco

Di Redazione22 agosto 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi

L’AQUILA — I tabulati telefonici non provano con certezza che Salvatore Parolisi fosse nel bosco della Ripe di Civitella il giorno della morte della moglie Melania Rea. Lo sostengono i legali difensori del caporalmaggiore dell’esercito Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, nella memoria di 150 pagine che stanno esponendo al tribunale del riesame dell’Aquila, che dovrà decidere sulla scarcerazione dell’uomo.

I difensori hanno contestato i risultati dell’autopsia sul corpo di Melania soprattutto per quanto riguarda l’ora della morte e le tracce di dna di Salvatore rilevate sulla bocca di Melania, che secondo la consulenza del genetista Emiliano Giardina potrebbero risalire anche a ore prima dell’omicidio.

Quanto al fatto che il cellulare di Parolisi quel giorno fosse agganciato alla cella di Ripe di Civitella, i difensori hanno sostenuto che la zona dal punto di vista del traffico telefonico può sovrapporsi ad altre.

Trova esplosivo nel bosco e lo porta in Comune

Cavazzo Carnico UDINE -- Ho trovato nel bosco 7 chili di materiale esplosivo e li ha portati ...

Vasco, nuovo ko per due mesi: saltano i concerti

Vasco Rossi BOLOGNA -- Stop ai concerti e riposo assoluto per almeno 60 giorni con terapia medica ...