iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’addormentato nella valle” di Arthur Rimbaud

Di Redazione8 agosto 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

È una gola di verzura dove il fiume canta
impigliando follemente alle erbe stracci
d’argento: dove il sole, dalla fiera montagna
risplende: è una piccola valle che spumeggia di raggi.
Un giovane soldato, bocca aperta, testa nuda,
e la nuca bagnata nel fresco crescione azzurro,
dorme; è disteso nell’erba, sotto la nuvola,
pallido nel suo verde letto dove piove la luce.
I piedi tra i gladioli, dorme. Sorridente come
sorriderebbe un bimbo malato, fa un sonno.
O natura, cullato tiepidamente: ha freddo.
I profumi non fanno più fremere la sua narice;
Dorme nel sole, la mano sul suo petto
tranquillo. Ha due rosse ferite sul fianco destro.

“Gli anni” di Sara Teasdale

malinconia Stanotte chiudo gli occhi e vedo Una strana processione superarmi— Gli anni prima che vedessi il tuo ...

“Passaggio notturno” di Vincenzo Cardarelli

tuscanhills Giace lassù la mia infanzia. Lassù in quella collina ch'io riveggo di notte, passando in ferrovia, segnata di vive ...