iscrizionenewslettergif
Politica

Uniacque: dopo le polemiche compensi tagliati del 10 per cento

Di Redazione4 agosto 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gianni D'Aloia con il coordinatore del Pdl Carlo Saffioti

Gianni D'Aloia con il coordinatore del Pdl Carlo Saffioti

BERGAMO — Dopo le polemiche, tutt’altro che sopite, dei giorni scorsi, la società Uniacque ha deciso di rivedere al ribasso i nuovi compensi dei cinque amministratori.

Il presidente della Provincia Ettore Pirovano e il sindaco di Bergamo Franco Tentorio si sono incontrati con gli organi amministrativi di Uniacque recentemente nominati e hanno segnalato la necessità di un contenimento dei compensi dei cinque amministratori, ottenendo una riduzione del 10 per cento rispetto al totale deliberato per il precedente consiglio d’amministrazione nella misura di euro 141mila.

I nuovi compensi, dunque, dovranno essere contenuti fino ad un massimo di circa 125mila euro, anche per rispettare le indicazioni emanate dal Parlamento per la riduzione dei costi della politica.

“La richiesta, fanno sapere Pirovano e Tentorio, è stata pienamente accolta dall’organo amministrativo di Uniacque e in particolare dal suo presidente Gianni D’Aloia”.

“Il costo complessivo dell’importante società pubblica – si legge nel comunicato stampa congiunto di Provincia e Comune – risulta così definitivamente determinato in misura notevolmente inferiore rispetto ai limiti massimi indicati dall’ultima assemblea”.

Uniacque, Milesi attacca: compensi inaccettabili

Vittorio Milesi BERGAMO -- La battaglia sulle nomine e i compensi dentro la società Uniacque approderà in ...

La Marcegaglia striglia Berlusconi: agire e subito (video)

Emma Marcegaglia ROMA -- Ci voleva una Emma Marcegaglia più determinata che mai per cercare di smuovere ...