iscrizionenewslettergif
Poesie

“Gli anni” di Sara Teasdale

Di Redazione4 agosto 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Stanotte chiudo gli occhi e vedo
Una strana processione superarmi—
Gli anni prima che vedessi il tuo viso
Scorrono a fianco a me con una grazia malinconica;
Passano, i sensibili timidi anni,
Come uno che si sforza di ballare, per metà cieco
di lacrime.
Gli anni andavano via e non seppero mai
Che ognuno mi portava più vicino a te;
Il loro sentiero era stretto e distante
Ed ancora mi conduceva al tuo cuore—
Oh sensibili anni timidi, oh anni solitari,
Che si sforzavano di cantare con voci annegate
nelle lacrime.

“Il tuo ritorno sarà il mio ritorno” di Edward Estlin Cummings

amorpsyche_3 Il tuo ritorno sarà il mio ritorno di me stesso ti seguono, io solo resto; un'effige d'ombra ...

“L’addormentato nella valle” di Arthur Rimbaud

greenvalleypramodarya È una gola di verzura dove il fiume canta impigliando follemente alle erbe stracci d'argento: dove il ...