iscrizionenewslettergif
Italia

Melania, la procura: c’è un complice nel vilipendio

Di Redazione29 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi

TERAMO — Nessuna scarcerazione. La Procura della Repubblica di Teramo chiederà al giudice per le indagini preliminari di confermare l’arresto di Salvatore Parolisi ritenendolo l’assassino della moglie Melania Rea ritrovata morta il 20 aprile nel bosco delle Casermette di Ripe di Civitella del Tronto (Teramo). Con una differenza, però, rispetto al documento d’accusa della procura di Ascoli. Oltre all’omicidio aggravato da vincolo di parentela e crudeltà, al caporalmaggiore viene contestato anche il vilipendio di cadavere in concorso. Per gli inquirenti, quindi, esiste un complice che ha aiutato Parolisi a sfregiare il cadavere di sua moglie.

Parolisi è già in carcere per decisione del gip di Ascoli Piceno, il quale – con la stessa ordinanza di custodia cautelare – ha passato gli atti delle indagini a Teramo per competenza territoriale.

La richiesta è stata firmata dal procuratore capo Gabriele Ferretti e dai sostituti procuratori Davide Rosati e Greta Aloisi. Il giudice per le indagini preliminari dovrà ora decidere se accogliere la richiesta notificando al caporalmaggiore la nuova ordinanza di custodia in carcere.

Il gip ha tempo per pronunciarsi entro il 7 agosto prossimo. Salvatore Parolisi è tutt’ora rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto ad Ascoli Piceno. La Procura di Teramo ha confermato le accuse formulate da quella di Ascoli. E ha aggiunto quella di concorso in vilipendio di cadavere che implica la presenza di un complice che ha infierito sul corpo della povera donna.

Melania, c’era un altro militare nel bosco quel giorno?

Il luogo dell'omicidio TERAMO -- Spunta l'ombra di un altro militare nell'omicidio di Melania Rea. Secondo indiscrezioni, i ...

Melania, spunta una foto che potrebbe scagionare Parolisi

La foto della macchina dietro la staccionata TERAMO -- Mentre Salvatore Parolisi quest'oggi è stato trasferito dal carcere di Ascoli a quello ...