iscrizionenewslettergif
Valle Imagna

L’ascensore della scuola non funziona: bimba disabile in difficoltà. Parte l’esposto

Di Redazione27 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bimba disabile e barriere architettoniche (immagine di repertorio)

Bimba disabile e barriere architettoniche (immagine di repertorio)

CORNA IMAGNA — Un ascensore per disabili fuori uso perché privo di manutenzione. E una bimba costretta sulla sedia a rotelle in grave difficoltà per raggiungere la sua classe. Accade alla scuola elementare di Corna Imagna. Accade nell’Italia che pretende di chiamarsi “civilizzata”. Accade, all’alba del 2011, in un Paese che è in grado di mandare a migliaia di chilometri dai suoi confini elicotteri, aerei, carri armati e soldati armati di tutto punto, ma non riesce a garantire il minimo supporto ai propri piccoli cittadini.

E allora ben venga l’esposto al Provveditorato agli studi di Bergamo in merito alla manutenzione dell’ascensore per disabili della scuola elementare di Corna Imagna, firmato dal Presidente della VI Commissione “Ambiente e Protezione civile”, Giosuè Frosio e dal consigliere regionale della Lega Nord, Roberto Pedretti.

“E’ necessario sia fatta al più presto chiarezza – spiegano i due – sulla questione dell’ascensore guasto della scuola elementare di Corna Imagna. La faccenda è molto seria e delicata. Non ci sono infatti solo di mezzo la sicurezza e il grande disagio di una bimba disabile, costretta su una sedia a rotelle, ma anche l’eventuale sperpero di soldi pubblici”.

“Sembra infatti che l’amministrazione – sottolineano i due esponenti del Carroccio bergamasco – non abbia pagato la manutenzione annuale dell’impianto; il problema nasce dal fatto che, senza il via libera dell’azienda specializzata, non può essere garantita la sicurezza e quindi l’utilizzo dell’ascensore stesso”.

Per questo i due consiglieri hanno presentato un esposto al Provveditorato agli Studi di Bergamo “affinché verifichi l’osservanza del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996 n. 5.3, vale a dire la normativa per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Ci siamo rivolti inoltre al Prefetto di Bergamo Camillo Andreana, affinché sia fatta luce sull’eventuale inadempienza da parte dell’Amministrazione comunale circa la manutenzione dell’ascensore in questione” concludono i leghisti.

Tragedia sull’Albenza: bimba cade con la bicicletta in un dirupo

La piccola Giulia Tironi ALMENNO SAN BARTOLOMEO -- Una terribile tragedia ha colpito una famiglia di Albenza, frazione di ...

Punta da una vespa, muore dopo due mesi di coma

Una vespa BERBENNO -- Dopo la puntura di una vespa era finita in choc anafilattico alle Cliniche ...