iscrizionenewslettergif
Politica

Infrastrutture, Pirovano: credo in un accordo con Brescia (video)

Di Redazione25 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano

Il presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano

BERGAMO — “Siamo alternativi a Milano e credo in un buon accordo con gli amici di Brescia con i quali condividiamo le stesse montagne e lo stesso modo di lavorare. Se ci mettiamo insieme, con quasi due milioni e mezzo di abitanti, Milano la vediamo con il luminino, sempre più lontana”. Sono le parole del presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano a margine del sopralluogo Brebemi avvenuto questa mattina a Calcio.

Il disegno della Provincia di Bergamo dunque appare in tutta la sua chiarezza. L’alleanza strategica cercata dai bergamaschi, a livello economico, politico e finanziario, non guarda a Milano ma a Brescia. E questo in ottica di trasporto su gomma e infrastrutture viarie. Ma sarebbe paradossale se non lo fosse anche per il trasporto aereo, dove si sta giocando una partita importante nel nuovo disegno aeroportuale lombardo. Sea aeroporti di Milano entro la prossima stagione verrà quotata in borsa. Aveva messo sul tavolo la possibilità di una holding con Sacbo Orio al Serio. Ma i bergamaschi hanno tergiversato. E a questo punto si capisce perché.

Restando alla Brebeni, Pirovano si dice ottimista. “L’autostrada sarà completata in un paio d’anni. Poi verrà allacciata alla nuova Bergamo-Treviglio. Il che consentirà al nostro tessuto economico di collegarsi con il resto del mondo. Ma tuteleremo il territorio per evitare di abbandonarlo alla speculazione edilizia”.

Pdl, ecco tutti i video della festa provinciale

L'arrivo di Mariastella Gelmini a Ghisalba GHISALBA -- Fra il grande entusiasmo della folla, applausi e partecipazione, ecco gli interventi sul ...

Calderoli: ministero del Lavoro a Napoli? Non sanno di cosa si parla

Roberto Calderoli NAPOLI -- Dal ministro Roberto Calderoli parole "totalmente false" e "offensive" nei confronti dei napoletani. ...