iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Nuove accuse a Penati: mi hanno spremuto come un limone

Di Redazione22 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Filippo Penati

Filippo Penati

MILANO — “Mi hanno spremuto come un limone”. Pioggia di accuse sull’ex vicepresidente del consiglio regionale Filippo Penati (Pd) indagato per tangenti nella vicenda della ricostruzione sull’area ex Falck di Sesto San Giovanni.

Ad accusare Penati, il costruttore Giuseppe Pasini ma anche Piero Di Caterina, imprenditore del trasporto pubblico. Pasini racconta che Di Caterina è stato il collettore indicatogli da Penati per le erogazioni pretese dall’allora sindaco di Sesto San Giovanni, scrive il Corriere della Sera.

Pasini sostiene di aver dato due miliardi di lire in contanti a Di Caterina in Lussemburgo. Di Caterina, sentito nei mesi scorsi dalla Procura conferma, inquadrando i soldi in una sorta di compensazione tra favori alla politica e recriminazioni imprenditoriali, ai quali ricollega tutta una serie di finanziamenti che afferma di aver fatto fino al 2000 per le esigenze del partito di Penati, in alcuni periodi anche cento milioni di lire al mese.

Esiste un documento, scrive il Corriere, che proverebbe che Pasini ha pagato Di Caterina, ai suoi occhi fiduciario di Penati. Un bonifico da 4 miliardi di lire nel 2001. Una parte rimbalzò in Svizzera e fu poi consegnata in contanti, in strada a Chiasso, a Giordano Vimercati, in seguito capo di gabinetto del Penati.

Milesi: le opere realizzate dalla Provincia? Come quelle di un medio Comune

Vittorio Milesi BERGAMO -- "I risultati strepitosi della Provincia a guida leghista? Glieli elenco subito: bilancio di ...

Ghisalba, decolla la Festa del Pdl: stasera il ministro Gelmini

Il ministro Gelmini in un precendente intervento a Bergamo GHISALBA -- La Festa provinciale del popolo della Libertà, che si tiene in questi giorni ...