iscrizionenewslettergif
Poesie

“Mi nasconda la notte e il dolce vento” di Sandro Penna

Di Redazione22 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Mi nasconda la notte e il dolce vento.
Da casa mia cacciato e a te venuto
mio romantico antico fiume lento.
Guardo il cielo e le nuvole e le luci
degli uomini laggiù così lontani
sempre da me. Ed io non so chi voglio
amare ormai se non il mio dolore.
La luna si nasconde e poi riappare
lenta vicenda inutilmente mossa
sovra il mio capo stanco di guardare.

“Lacrima” di Arthur Rimbaud

Lontano dagli uccelli, dai greggi, dalle villanelle, bevevo, accoccolato in qualche landa circondata dai boschi ...

“Posso scrivere i versi più tristi stanotte” di Pablo Neruda

Posso scrivere i versi più tristi stanotte. Scrivere, per esempio: «La notte è stellata, e ...