iscrizionenewslettergif
Poesie

“Mi nasconda la notte e il dolce vento” di Sandro Penna

Di Redazione22 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Mi nasconda la notte e il dolce vento.
Da casa mia cacciato e a te venuto
mio romantico antico fiume lento.
Guardo il cielo e le nuvole e le luci
degli uomini laggiù così lontani
sempre da me. Ed io non so chi voglio
amare ormai se non il mio dolore.
La luna si nasconde e poi riappare
lenta vicenda inutilmente mossa
sovra il mio capo stanco di guardare.

“Lacrima” di Arthur Rimbaud

ppabnature-papaya Lontano dagli uccelli, dai greggi, dalle villanelle, bevevo, accoccolato in qualche landa circondata dai boschi ...

“Posso scrivere i versi più tristi stanotte” di Pablo Neruda

man_sunrise_iStock_000003792360Medium Posso scrivere i versi più tristi stanotte. Scrivere, per esempio: «La notte è stellata, e ...