iscrizionenewslettergif
Poesie

“I miei incantesimi” di Edgar Allan Poe

Di Redazione19 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un’emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient’altro che te.

“S’una fede amorosa…” di Francesco Petrarca

Poesia S'una fede amorosa, un cor non finto, un languir dolce, un desïar cortese; s'oneste voglie ...

“La scienza della natura” di Epicuro

Raphaels-School-of-Athens La scienza della natura non forma uomini assidui nel vantare o nel parlare, nemmeno uomini che ...