iscrizionenewslettergif
Politica

Sondaggi, Pdl superato: il Pd è il primo partito italiano

Di Redazione15 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pierluigi Bersani, leader del Pd

Pierluigi Bersani, leader del Pd

MILANO — Sorpasso: il Pd sarebbe il primo partito italiano. Lo sostiene l’ultimo sondaggio realizzato dell’istituto Piepoli di Milano che ha indagato le intenzioni di voto degli italiani, ravvisando che l’ago della bilancia pende decisamente a centrosinistra.

Secondo il sondaggio, se si votasse oggi la coalizione di centrosinistra porterebbe a casa il 44 per centro dei voti contro il 41 del centrodestra. E sebbene la fiducia nel premier sia rimasta sostanzialmente stabile, c’è un malcontento molto diffuso per le condizioni economiche del paese.

Nella maggioranza in testa c’è il Popolo della Libertà con il 29 per cento del gradimento, seguito dalla Lega Nord al 9.5, mentre i partiti minori rastrellano un 2.5 per cento.

Nel centrosinistra invece Bersani si frega le mani dal momento che il suo Pd è al 29.5 per cento, e supera quello di Berlusconi di mezzo punto, diventando il primo partito politico d’Italia. Sinistra Ecologia e Libertà perde uno 0.5 per cento e scende al 7. Vendola paga lo scotto di una sovraesposizione di cui ha beneficiato dopo la vittoria di Giuliano Pisapia a Milano. Stabile invece l’Idv, con Di Pietro che raccoglie il 4.5 per cento delle preferenze nel Paese.

Il Centro invece segna ancora una discesa dal 10 al 9 per cento. A perdere terreno é Futuro e Libertà che si attesta al 2 per cento. Perde un mezzo punto anche l’Udc che passa dal 6 al 5.5. L’Api di Rutelli e le altre formazioni raggiungono l’1,5 per cento.

Vitalizi: ecco quanto ci costano i politici bergamaschi

L'aula del Senato BERGAMO -- Si fa un gran parlare dei costi della politica. Ma quanti sono, per ...

Via libera all’arresto di Papa. Di Pietro: c’è una nuova tangentopoli

Antonio Di Pietro ROMA -- La Giunta per le autorizzazione a procedere della Camera ha detto sì all'arresto ...