iscrizionenewslettergif
Esteri

Osama preparava un nuovo attentato per l’11 settembre

Di Redazione15 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
11 settembre 2001

11 settembre 2001

WASHINGTON, Usa — Osama Bin Laden, dal suo rifugio di Abbottabad, in Pakistan, stava preparando un nuovo, devastante, 11 settembre. Lo ha rivelato il Wall Street Journal, secondo il quale indicazioni di questo tipo sono emerse dal materiale sequestrato dalla Cia nel raid di Abbottabad lo scorso maggio.

Lo sceicco stava lavorando per allestire un commando di militanti, in modo da mettere a segno un grande attentato per l’anniversario dei 10 anni dall’11 Settembre.

Bin Laden scambiò comunicazioni sulla possibile composizione del commando con il suo capo operativo, Attiyah Abd al-Rahman. Il leader di Al Qaeda rifiutò molti dei nomi che al-Rahman gli proponeva, confermano fonti della Cia informate sul materiale sequestrato ad Abbottabad.

Il progetto – hanno precisato – era peraltro nella sua fase iniziale. Non sono stati rilevati indizi tali che facciano a pensare che il complotto possa essere andato al di là della sua mera progettazione. Progetti per un attacco in occasione del decimo anniversario dell’11 settembre – riferisce il Wall Street Journal – erano una delle poche potenziali minacce emerse dall’enorme quantità di documenti sequestrati nel compound di Bin Laden in Pakistan.

In altre parole non si era ancora passati alla fase esecutiva. Del resto anche prima dell’assalto all’America del 2001, al vertice di Al Qaeda c’erano state molte discussioni sulla fattibilità e gli uomini da impiegare. Khaled Sheikh Mohammed, accusato di essere la mente degli attacchi, si era visto respingere per due volte il piano. Altre discussioni erano nate sui kamikaze: sembra che Osama avesse imposto personalmente almeno un paio di terroristi.

Le rivelazioni su un nuovo 11 settembre erano emerse dopo l’uccisione di Bin Laden ed erano basate sui documenti che i commandos americani hanno sequestrato nella palazzina di Abbottabad. Sempre il Wall Street Journal ha confermato che un altro progetto – ancora allo stato embrionale – riguardava un attentato da compiere negli Usa durante la festa nazionale del 4 luglio.

Taglia il pene al marito e lo getta nella spazzatura

John Bobbitt LOS ANGELES, Usa -- A quasi vent'anni dall'episodio di Lorena Bobbitt che fece scalpore per ...

Scandalo News: si dimette il capo di Scotland Yard

Al centro, Paul Stephenson LONDRA, Gran Bretagna -- Si allarga lo scandalo delle intercettazioni illegali in Gran Bretagna che ...