iscrizionenewslettergif
Economia

Manovra, ecco tutte le modifiche: si paga da lunedì

Di Redazione14 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Berlusconi e Tremonti

Berlusconi e Tremonti

ROMA — Sono molte le novità contenute nel pacchetto di modifiche alla manovra economica presentate ieri in Senato. E’ stato rafforzato l’impianto del decreto, in particolare con la previsione del taglio alle agevolazioni fiscali da subito. E poi novità in arrivo anche su pensioni, ticket sanitari, patto di stabilità e stock option. Ecco le modifiche in sintesi.

TICKET DA SUBITO: Ticket di 10 euro sulle ricette mediche e di 25 euro per gli interventi del pronto soccorso in codice bianco arriveranno dall’entrata in vigore della manovra, quindi già da lunedì.

SCATTA TAGLIO AGEVOLAZIONI FISCALI: Sarà tra il 5 e 20 per cento. Attesi 4 miliardi per il 2013 e 20 miliardi di euro annui a decorrere dal 2014. Il taglio non sarà attuato se entro settembre 2013 il Governo eserciterà la delega per la riforma fiscale.

INDICIZZAZIONE PENSIONI: Sale dal 45 al 70 per cento l’indice di indicizzazione delle pensioni medie, ammontanti a circa il triplo degli assegni minimi. Confermato la piena indicizzazione per quelle inferiori, mentre resta l’azzeramento per quelle superiori a cinque volte il minimo.

PENSIONI, AGGANCIO AL 2013: Si anticipa al primo gennaio 2013 l’aggancio delle pensioni all’aspettativa di vita. Dal 2013 dunque l’incremento sarà di 3 mesi.

PENSIONI ANZIANITA’: I lavoratori che matureranno i requisiti per la pensione di anzianità nel 2012 dovranno posticipare di un mese il loro collocamento a riposo.

PRELIEVO 5-10% SU PENSIONI D’ORO: Contributo di solidarietà fino al 2014 per le pensioni superiori ai 90mila euro l’anno. Il contributo ammonta al 5 per cento per la parte eccedente i 90.000 euro, e del 10 per cento per la parte eccedente i 150.000 euro.

PRIVATIZZAZIONI: Scatta dal 2013 il programma per la dismissione di partecipazioni azionarie dello Stato e di enti pubblici non territoriali. Il governo inoltre formulera’ alle categorie interessate proposte di riforma in materia di liberalizzazioni delle attivita’ economiche. Ma se così non fosse, trascorsi 8 mesi dalla data di entrata in vigore della manovra, “ciò che non sarà espressamente regolamentato sarà libero”.

CAMBIA IMPOSTA DOSSIER TITOLI: Cambia l’imposta di bollo sul dossier titoli: sara’ di 34,20 euro per i depositi sotto i 50.000.

COMUNI VIRTUOSI, SI CAMBIA: Cambiano i criteri per l’applicazione del patto di stabilità ai comuni con in bilanci in ordine. Ci sarà la “convergenza tra spesa storica e costi e fabbisogni standard”. I Comuni dovranno associarsi.

STOCK OPTION: L’aliquota del 10 per cento si applichera’ a tutta la parte eccedente la parte fissa della retribuzione.

AMMORTAMENTO A 2%: La quota di ammortamento finanziario deducibile non puo’ essere superiore al 2 per cento del valore dei beni in concessione. Questo norme non si applicano ai concessionari di autostrade e trafori: per quest’ultimi l’intervento cambia e la percentuale di deducibilità delle quote del fondo di ripristino scende dal 5 all’1 per cento.

ACCISE BENZINA: Gli aumenti delle aliquote delle accise disposte il 28 giugno 2011 restano confermate, a decorrere dal primo gennaio 2012.

Borse a picco: la crisi determinata dai mercati

Giornata nerissima a Piazza Affari MILANO (Ansa) -- Nuova giornata nera ieri per la Borsa di Milano, con lo spread ...

Manovra, i tagli colpiranno soprattutto le famiglie

Manovra lacrime e sangue per le famiglie italiane ROMA -- Pur spalmata su più anni, sarà la manovra economica più imponente della storia ...