iscrizionenewslettergif
Politica

Feste di Arcore: battaglia sul bacio saffico fra Ruby e la Minetti

Di Redazione14 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Nicole Minetti

Nicole Minetti

MILANO — Secondo i magistrati Nicole Minetti e Ruby, al secolo Karima El Mahroug, ci sarebbe state effusione erotiche e baci saffici alle feste organizzate ad Arcore per compiacere il premier Silvio Berlusconi. A confessarlo sarebbe stata la stessa Ruby. Solo che di quel bacio, secondo l’avvocato della Minetti, accusata di induzione e favoreggiamento della prostituzione assieme a Lele Mora e Emilio Fede, non ci sarebbe alcuna prova.

“A oggi non c’è traccia nell’indagine del bacio saffico” ha detto il legale Piermaria Corso all’udienza del processo che si è tenuta ieri a Milano. L’avvocato ha consegnato al giudice una fotocopia in cui sono ritratte due ragazze che hanno partecipato alle feste ad Arcore in atteggiamento affettuoso e, nella parte sottostante, due donne ritratte in un bacio saffico da un pittore inglese, aggiungendo: “Questo per voi è un reato?”.

“Sappiamo da tutta una serie di fonti assolutamente indipendenti che il fruitore finale aveva interesse per questo tipo di condotte” si legge nella trascrizione dell’intervento del Procuratore aggiunto Piero Forno in udienza preliminare di lunedì 27 giugno. Secondo l’accusa, Berlusconi avrebbe fruito di spettacoli “sexy” messi in piedi durante le feste ormai note come “bunga bunga”. Era stata la stessa Ruby la prima a parlare del bacio lesbico con la Minetti. E per Forno, in questo caso, è del tutto credibile.

Per la difesa invece Ruby resta un testimone confusionario e per nulla attendibile. “L’accusa si è basata sulle intercettazioni e Ruby, nelle telefonate, afferma plurime verità. Per esempio dice di essere stata sentita dai pm 32 volte, quando è stata ascoltata 4 o 5. Vogliamo credere a questa persona?” ha concluso il legale.

Nel tentativo di ridimensionare l’accaduto, è la stessa Ruby a scendere in campo, fornendo la sua ennesima versione dei fatti. In un’intervista rilasciata a “Chi”, la giovane marocchina spiega che si trattava solo di un saluto. “Mi chiedo: ma si tratta di un reato? Ma quante ragazze, quando si salutano, si scambiano un bacio sulla bocca a stampo? Direi milioni e milioni. Succede in discoteca, nei locali, per strada”.

Retroscena, ipotesi rimpasto: Tremonti agli Esteri, Frattini alla Giustizia

Frattini, Berlusconi e Tremonti ROMA -- Aria di rimpasto in vista nell'autunno prossimo. Secondo quanto trapelato, dopo la manovra ...

Siliprandi: senza la sede Brebemi, Treviglio perderà 3000 posti di lavoro

Patrizia Siliprandi, leader del movimento "Uniti per cambiare" TREVIGLIO -- Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Patrizia Siliprandi, leader del movimento della società ...