iscrizionenewslettergif
Economia

Borse a picco: la crisi determinata dai mercati

Di Redazione12 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giornata nerissima a Piazza Affari

Giornata nerissima a Piazza Affari

MILANO (Ansa) — Nuova giornata nera ieri per la Borsa di Milano, con lo spread volato oltre 300 punti e l’indice Ftse Mib che ha chiuso con un ribasso del 4 per cento. Lunedì di forte calo in generale su tutte le piazze europee, con le banche a picco. I ministri dell’area euro si dichiarano pronti “ad adottare ulteriori misure contro il contagio”, a partire da un rafforzamento del Fondo salva-stati. Nessuna misura concreta, però, per fermare gli attacchi dei mercati finanziari che hanno preso di mira l’Italia è arrivata dalla riunione dell’Eurogruppo a Bruxelles. Oggi si riunisce l’Ecofin. La crisi italiana è determinata dai mercati, secondo il direttore dell’Fmi Christine Lagarde. Attesa al Tesoro e alla Banca d’Italia per l’asta di oggi di Bot per 6,75 miliardi.

La crisi in Italia è “essenzialmente determinata dai mercati, ai quali il governo italiano e i suoi partner europei saranno molto attenti”. Il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), Christine Lagarde, ammette però che la crescita economica italiana deve migliorare per assicurare la stabilità: “E’ essenziale per ristabilire la situazione, oltre alle misure già decise con l’obiettivo di riportare il deficit al 3% nel 2012”. “Alcune cifre dell’Italia sono eccellenti. Il deficit primario è uno dei migliori. Il debito è particolare nelle sue caratteristiche perché è detenuto all’interno del paese. E’ chiaro che l’Italia si confronta al momento con problemi che sono dettati dai mercati” afferma Lagarde, criticando le agenzie di rating che, nella crisi europea, “giocano un ruolo. Non c’é dubbio”.

Nei giorni scorsi Moody’s ha tagliato il rating del Portogallo a spazzatura, sollevando critiche dall’Unione Europea e dalla Banca Centrale Europea (Bce). E alimentando la spirale della crisi europea, già infiammata dalla Grecia. “La Grecia ha lavorato molto per ridurre il deficit e riuscire a riequilibrare il budget di 5 punti percentuali del pil. Si tratta di una performance considerevole ma sappiamo tutti non sufficiente: bisogna fare di più. La soluzione dovrà essere trovata fra i partner europei, compreso il governo greco, la troika (il Fmi, la Commissione Europea e la Bce)”.

Sul nuovo piano di aiuti alla Grecia e la parte che il Fmi potrebbe giocare, Lagarde afferma: “Non siamo ancora in una fase di studio delle condizioni, dei termini, della durata e del volume. Nulla puòessere considerato come acquisito”. Il Fmi ha dato il disco verde alla quinta tranche da 3,2 miliardi di dollari del prestito accordato alla Grecia lo scorso anno. La sesta tranche dipende dal secondo piano di aiuti che le autorità europee valutano.

La manovra è definitiva: ecco tutti i tagli e le tasse

Tremonti e Berlusconi ROMA -- Via libera del governo alla manovra economica per il risanamento dei conti pubblici. ...

Manovra, ecco tutte le modifiche: si paga da lunedì

Berlusconi e Tremonti ROMA -- Sono molte le novità contenute nel pacchetto di modifiche alla manovra economica presentate ...