iscrizionenewslettergif
Politica

Stucchi (Lega): se nel 2006 ci avessero ascoltato

Di Redazione8 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giacomo Stucchi

Giacomo Stucchi

ROMA — “Ciò che stiamo cercando di fare è evitare una manovra lacrime e sangue, come quelle varate in passato da decine di governi tecnici o di sinistra, che non affami i cittadini e che, soprattutto, risponda a dei principi di equità ed efficienza senza i quali sarebbe persino immorale chiedere dei sacrifici alla gente”. Lo ha detto il parlamentare bergamasco della Lega Nord, e Segretario dell’Ufficio di Presidenza di Montecitorio, Giacomo Stucchi.

“Certo che se fosse passato il referendum confermativo sulla riforma costituzionale voluta dalla Lega Nord nel 2006 oggi parleremmo d’altro. Vorremmo infatti ricordare che con quella riforma, bocciata da un blocco sociale che ha visto insieme tutta la sinistra e le vecchie cariatidi della Prima Repubblica, avremmo potuto ridurre il numero dei parlamentari già dalla prossima legislatura, posto fine al bicameralismo perfetto, e molto altro ancora. Per alcuni versi – conclude Stucchi – oggi sarebbe stato tutto più semplice”.

Berlusconi: alle elezioni del 2013 non mi candido

Silvio Berlusconi ROMA -- L'annuncio, qualora fosse seguito dai fatti, sarebbe clamoroso. Silvio Berlusconi ha detto alla ...

Formigoni stupisce ancora: giacca di pelle e concerto metal

Roberto Formigoni MILANO -- "Sono vestito in questo modo perché sto andando a un concerto imperdibile dove ...