iscrizionenewslettergif
Bergamo

Accordo Università-Commercialisti: accesso più facile all’albo

Di Redazione8 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il presidente dell'Ordine dei commercialisti di Bergamo Alberto Carrara

Il presidente dell'Ordine dei commercialisti di Bergamo Alberto Carrara

BERGAMO — Importante accordo fra l’Ordine dei commercialisti e la facoltà di Economia dell’Università degli studi di Bergamo. L’intesa consentirà agli studenti delle lauree specialistiche e magistrali in scienze economico-aziendali di svolgere il tirocinio professionale già nel corso del biennio di studi e di essere esonerati dalla prima prova dell’esame di stato per l’accesso alle sezioni A e B dell’albo professionale.

La convenzione infatti prevede la definizione di percorsi formativi che consentono di elevare il livello qualitativo della formazione per l’accesso alla professione, ottimizzando i tempi e facendo acquisire ai giovani quelle conoscenze culturali, tecniche, metodologiche e comportamentali che consentano un più immediato e diretto accesso al mondo del lavoro.

L’accordo accoglie la convenzione quadro siglata a Roma lo scorso 13 ottobre fra il Ministero dell’Istruzione, il Consiglio nazionale dei commercialisti, che ha regolamentato la possibilità di integrare il tirocinio nel corso degli studi universitari.

Il tirocinio dovrà avere una durata minima di 1.000 ore e dovrà essere svolto in uno studio di dottore commercialista, ragioniere commercialista o comunque sotto la sorveglianza diretta di un professionista; può anche comprendere attività formative, promosse, coordinate e autorizzate dall’Ordine di Bergamo, o ricerche specifiche, finalizzate alla predisposizione delle tesi di laurea.

La convenzione fissa inoltre le condizioni minime per la realizzazione dei percorsi formativi espressamente finalizzati all’accesso alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile e interessa anche le lauree triennali in scienze dell’economia e della gestione aziendale, che dovranno comprendere insegnamenti specifici in materia di diritto, contabilità, disciplina dei bilanci, analisi finanziaria, gestione del rischio e tecniche di revisione. In questo modo parte dei crediti formativi che costituiscono contenuti obbligatori dell’esame di stato per l’abilitazione all’attività di revisione legale dei conti possono già essere acquisiti nel corso della laurea triennale.

Medicinali: ogni italiano spende oltre 400 euro l’anno

Una farmacia BERGAMO -- Ogni italiano ha speso in media 434 euro in medicinali lo scorso anno. ...

Subsonica: da oggi il rimborso dei biglietti

I Subsonica BERGAMO -- A partire da oggi, gli spettatori potranno chiedere il rimborso del biglietto del ...