iscrizionenewslettergif
Tecnologia

Hacker, stroncata la cellula italiana di Anonymous

Di Redazione5 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gli hacker all'attacco

Gli hacker all'attacco

MILANO — Trentasei persone sotto indagine fra cui il capo del gruppo. Grosso colpo della polizia informatica che ha messo sotto inchiesta i componenti del celebre gruppo di hacker “Anonymous” che negli ultimi tempi ha orchestrato e messo a segno una serie di attacchi informatici contro siti istituzionali e governativi.

Stamattina è partita una raffica di perquisizioni in tutta Italia. La Polizia informatica guidata da Antonio Apruzzese ha individuato anche il promotore del gruppo che, da quanto si apprende, è un italiano di 26 anni che vive in Canton Ticino. Il suo cognome sarebbe Frey, che era anche il nickname usato nelle incursioni informatiche. La PolCom é entrata nella sua abitazione all’alba per perquisire le macchine da cui sono stati gestiti gli attacchi. Insieme a lui altri 2 hacker sono stati denunciati, mentre sono 36 in tutto gli informatici al momento coinvolti nelle indagini della Polizia nel quadro dell’operazione “Secure Italy”.

Nel gruppo operano anche dei minorenni. Il ramo italiano di Anonymous ha colpito sia i siti di aziende come Eni, Finmeccanica, Poste e Unicredit, sia quelli istituzionali come Senato, Camera dei Deputati, Palazzo Chigi e AgCom, tutti obiettivi scelti in seguito a fatti di cronaca o decisioni relative alla rete. La scelta dei target avverrebbe con una votazione che interessa anche il network internazionale di Anonymous.

In un primo tempo le autorità italiane avevano adottato un approccio soft per evitare di dare troppa importanza e visibilità al gruppo. Ma quando il gruppo ha alzato il tiro, è stato deciso l’intervento. Non si perseguono i reati di opinione, ma solo i danni causati che sarebbero ingenti anche se la politica delle aziende colpite é quella di non rivelare nulla. Tra gli attacchi piú riusciti ci sarebbero quelli ai danni dell’Eni.

Le accuse non dovrebbero portare a degli arresti ma da parte dei danneggiati potrebbero ora partire le cause civili.

Nuovo iPhone 5: ecco le foto di come sarà

iPhone 5 MILANO -- Già da tempo circolano in rete indicrezioni sul futuro iPhone 5. Stavolta arrivano ...

Blackout su Aruba: bloccato il 60 per cento dei siti italiani

Stop sui siti di Aruba BERGAMO -- Un intervento pianificato o che altro? Fatto sta che questa mattina c'è stata ...