iscrizionenewslettergif
Primo Piano

Cirio: Cragnotti e Geronzi condannati a 9 e 4 anni

Di Redazione5 luglio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cesare Geronzi e Sergio Cragnotti

Cesare Geronzi e Sergio Cragnotti

ROMA — Sergio Cragnotti e Cesare Geronzi sono stati condannati rispettivamente a nove anni e a quattro anni di reclusione al termine del processo di primo grado sul crac della Cirio che fece perdere montagne di soldi ai risparmiatori italiani.

La vicenda al centro del processo riguarda fatti risalenti al 2003, quando il fallimento del gruppo Cirio, allora guidato da Sergio Cragnotti, fece andare in default obbligazioni per 1,125 miliardi di euro.

La sentenza è stata emessa dopo una lunghissima camera di consiglio dai giudici della prima sezione del tribunale di Roma, presieduta da Giuseppe Mezzofiore. Nessuno degli imputati eccellenti era presente in aula. Trentacinque gli imputati, a vario titolo, per bancarotta fraudolenta, preferenziale e distrattiva, e truffa.

Tra i condannati ci sono il genero di Cragnotti, Filippo Fucile (4 anni e 6 mesi) ed i figlio dell’ex patron del gruppo agroalimentare: Andrea (4 anni la pena), Elisabetta (3 anni) e Massimo (3 anni). Il processo era cominciato il 14 marzo 2008. Assolti Giampiero Fiorani e la moglie di Cragnotti. Gli imputati e Unicredit dovranno pagare 200 milioni di euro di provvisionale all’amministrazione straordinaria del gruppo.

Geronzi ha annunciato che ricorrerà in appello.

Mentana replica a Santoro: la libertà è una sola

Enrico Mentana MILANO -- Riportiamo la versione integrale della lettera inviata da Enrico Mentana al Corriere della ...

Santoro: prende piede l’ipotesi di un ritorno in Rai

Michele Santoro ROMA -- Dopo lo strappo, prima con la Rai poi con La7 spunta l'ipotesi di ...