iscrizionenewslettergif
Italia

Melania, i legali del marito: Parolisi non teme la verità

Di Redazione28 giugno 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi

ASCOLI PICENO — “Salvatore non teme la verità e vuole farsi promotore dell’accertamento della verità sulla morte della moglie”. Fermo restando la presunzione d’innocenza, suonano un po’ stridule le parole di Salvatore Parolisi, unico indagato per l’omicidio volontario della moglie Melania Rea, riportate dai suoi avvocati. Davanti ai magistrati il militare si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ma forse chiarire innanzitutto la propria posizione avrebbe contribuito a quell’accertamento della verità che va cercando.

Tuttavia, i legali oggi sono passati al contrattacco depositando in Procura ad Ascoli Piceno una richiesta di incidente probatorio che “servirà per accertare luogo, ora, giorno, dinamica della notte, individuare l’aggressore o gli aggressori e tutti gli elementi che potrebbero essere utili in relazione alla morte di Melania Rea”, ha spiegato Valter Biscotti, che insieme al suo collega Nicodemo Gentile, assiste il caporal maggiore dell’Esercito.

“Con questo rispondiamo anche a quelli che pensano che vogliamo sottrarci all’accertamento della verità”, ha spiegato l’avvocato Biscotti. L’iniziativa di oggi, ha proseguito il legale, va letta congiuntamente alla scelta di venerdì scorso di avvalersi della facoltà di non rispondere all’interrogatorio dei pm: “Salvatore non si vuole sottrarre, quando non ha risposto alle domande dei pm non voleva affatto nascondersi, era solo una scelta tecnica. Allo stato – ha sottolineato – abbiamo soltanto l’atto di incolpazione, con elementi fluidi. Nell’interrogatorio Salvatore avrebbe dovuto ripetere cose già dette”.

Quindi, ha detto ancora, “abbiamo scelto la strada dell’incidente probatorio anche perché l’accertamento si è svolto in contraddittorio con le parti, apertamente, davanti non solo ai pm ma anche al giudice, alle parti offese e ai rispettivi tecnici”.

Melania, la procura potrebbe aver pescato il “jolly”

Melania Rea ASCOLI PICENO -- La procura di Ascoli avrebbe delle importanti carte da giocare nella complicata ...

Melania, spunta una testimone chiave

Il bosco delle Casermette, luogo del ritrovamento ASCOLI PICENO -- Ci sarebbe una testimone chiave nell'omicidio di Melania Rea, la giovane mamma ...