iscrizionenewslettergif
Politica

Saffioti (Pdl): parola d’ordine ripensare il partito

Di Redazione22 giugno 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Carlo Saffioti

Carlo Saffioti

BERGAMO — “Dopo il risultato delle elezioni amministrative e dei referendum, il Popolo della Libertà di Bergamo è pronto a ripensarsi per riannodare i fili col proprio elettorato”. E’ affidata a un comunicato stampa la posizione espressa dal partito dopo la riunione del coordinamento di lunedì sera.

“Siamo in attesa delle decisioni del Consiglio Nazionale – spiega il coordinatore provinciale Carlo Saffioti durante la riunione del coordinamento provinciale – Da esso dovranno uscire un messaggio di speranza ma soprattutto un progetto per il partito, che nonostante tutto resta il primo attore politico nazionale”.

“Le elezioni ci hanno insegnato qualcosa: se Pdl e Lega lavorano insieme sin dall’inizio a un programma, se i mal di pancia restano all’interno dei partiti, se il candidato sindaco è conosciuto e spendibile, beh, il risultato è assicurato», argomenta Saffioti invocando il “modello Treviglio”. “D’altro canto – continua – la scommessa della Lega di svuotare il Pdl a proprio vantaggio è stata persa. Noi abbiamo avuto i nostri problemi, ma anche loro registrano un bel ridimensionamento, cosa che peraltro non ci fa gioire”.

Ma per esportare l’esperienza di Treviglio bisogna riannodare i fili con l’elettorato moderato: «La sconfitta alle amministrative e il risultato dei referendum sono messaggi chiari dal punto di vista politico: il feeling fra il partito (e Berlusconi in primis) e opinione pubblica si è incrinato – prosegue il coordinatore azzurro – Per riattivarlo il partito e il suo leader devono riacquistare credibilità, recuperando l’immagine di un movimento coeso e determinato. Per arrivare a questo risultato bisogna però anche ripensare il partito, a partire dalle fondamenta”.

“Nomineremo dei referenti locali, scelti dialogando con gli eletti comune per comune – annuncia Saffioti – Stiamo valutando anche l’ipotesi di creare dei coordinamenti sovracomunali. Non solo: deve cambiare anche la segreteria provinciale. In attesa dei congressi, coordinamento e giunta vanno aggiornati, col fine di coinvolgere più persone (valorizzando il ruolo degli eletti) e, soprattutto, persone più disponibili a supportare le iniziative del partito. In particolare, vanno valorizzati gli eletti”.

Altro capitolo importante, la comunicazione: «Bisogna dare rilevanza alle tante iniziative dei nostri amministratori, caratterizzandole come scelte politiche del Pdl». Un sì arriva anche alla proposta di creare dei “tavoli tematici” per definire e condividere le linee politiche del partito.

“Dopo Pontida possiamo continuare a pensare a un futuro per questa maggioranza. D’altro canto, la Sinistra che ha vinto non è quella riformista, ma quella massimalista: dobbiamo continuare a essere maggioranza per il bene dell’Italia” conclude Saffioti.

Milesi: il ponte di Gorle è pericoloso, la Provincia intervenga

La Provincia di Bergamo BERGAMO -- Il ponte di Gorle sul fiume Serio è pericoloso e la Provincia dovrebbe ...

Retroscena Pdl, Pagnoncelli: la segreteria di Saffioti non è a rischio

Marco Pagnoncelli BERGAMO -- "Non è il momento di strappi, ma quello di fare squadra e recuperare ...